Authors Guild sconfitta dalla Google

0
fonte: softstore.it
fonte: softstore.it

Google ha vinto una vittoria decisiva nel suo programma book-scanning, dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha negato il ricorso da parte di un gruppo di autori che ha sostenuto che stava violando il copyright.

La decisione del tribunale ha messo fine a una battaglia legale di 11 anni che ha avuto inizio nel 2005, quando la Authors Guild citata in giudizio la società di tecnologia per la scansione e la digitalizzazione di libri senza alcun compenso per i detentori del copyright.

Ambizioso programma di Google, che ha avuto inizio nel 2004, è stato colpito da una class action da parte degli Authors Guild nel 2005. La banca dati digitale consente agli utenti di cercare attraverso milioni di titoli di libri e perfino raggiungere passaggi o pagine selezionate. La Authors Guild ha affermato che Google stava violando i diritti dei detentori del copyright.

Secondo Yahoo! Tech, il giudice federale Denny Chin, che ha avuto il supporto di un pannello di corte d’appello, ha detto che il progetto è stato “fair use” sotto copyright.

“Siamo grati che il giudice ha deciso di confermare la decisione del secondo circuito (corte d’appello), che ha concluso che Google Books è trasformativo e nel rispetto del diritto d’autore,”

Google ha detto in una dichiarazione a seguito della decisione. Il comunicato continua:

“Il prodotto agisce come un catalogo a schede per l’era digitale dando alla gente un nuovo modo di trovare e acquistare libri, mentre allo stesso tempo è avanzare gli interessi degli autori.”

Nel frattempo, la Authors Guild ha rilasciato una dichiarazione per esprimere la sua “delusione” su ordine della Corte Suprema nega revisione della decisione.

Il presidente dell’ Authors Guild Roxana Robinson ha detto,

“Gli autori oggi ha subito una perdita colossale. Abbiamo presentato la class action contro Google nel settembre 2005, perché, come abbiamo detto allora, ‘l’assunzione di Google è stato una violazione semplice e sfacciata di copyright.’ Abbiamo creduto allora e crediamo ora che gli autori dovrebbero essere compensati quando il loro lavoro viene copiato per scopi commerciali.”

il direttore esecutivo del gruppo autori Mary Rasenberger ha aggiunto:

“Accecato ciò che la corte dice, ma coloro che trarranno profitto da questa sentenza è Google, per un lavoro che viene svolto dagli autori.”

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.