File su file: una vita passata in coda

Passiamo la maggior parte della nostra vita a perdere tempo facendo cose inutili. Uno di questi momenti è mentre siamo in coda ad aspettare qualcosa o qualcuno.

Ci fanno abituare alle code fin da piccoli: per andare in bagno bisogna rispettare la fila, in mensa dobbiamo rispettare il nostro turno, dobbiamo salire le scale in fila due a due. Regole, regole che diventano prassi una volta raggiunta la maggiore età.

La giornata di ogni uomo o donna che sia è un insieme di momenti buttati al vento che causano in noi sentimenti contrastanti. Usciamo di casa la mattina carichi e pronti per una giornata che, la maggior parte delle volte, sarà costellata da file e code.

L’ISTAT quantifica le ore che perdiamo in 400. Sedici giorni che potremmo impiegare per fare un viaggio o per passare più tempo con la nostra famiglia diventano invece tempo perso.

Ma se è vero che alcune code non possono essere evitate, altre siamo noi stesse a crearle per poi lamentarci.

La prima coda che l’uomo è costretto a subire è quella del traffico. Le persone preferiscono partire da casa tutte allo stesso orario. È sicuramente più comodo stare a letto 10 minuti in più. A volte invece non possiamo proprio partire prima a causa di altri impegni familiari, tuttavia questo è un problema che purtroppo ci creiamo da soli. Provate per una mattina a partire da casa 10 minuti prima, e vedrete che risparmierete del tempo in macchina per poterlo riutilizzare facendo la colazione al bar sotto l’ufficio (sperando non ci sia coda).

Biglietteria della stazione, primo giorno del mese: una coda chilometrica, unita ai ritardi dei treni regionali, preannuncia una giornata piuttosto lunga e insidiosa per i pendolari che cercheranno di raggiungere i luoghi di studio o di lavoro. Pensandoci, anche questo è un problema di facile risoluzione. Invece di aspettare il primo giorno del mese, gli abbonamenti possono essere pagati 4/5 giorni prima, quando la maggior parte delle persone ancora non ha pensato di pagare il nuovo biglietto e quindi le code sono nettamente inferiori.

Coda

Fonte: dailymail.co.uk

Fanno invece parte delle “code che purtroppo non possiamo evitare” gli sportelli pubblici: non c’è nemmeno bisogno di spiegarlo. La maggior parte delle volte che ci rechiamo agli sportelli, c’è sempre qualcosa che potrebbe andare storto. Il personale negli anni è diminuito, e le nuove assunzioni tardano ad arrivare.

Mentre nelle grandi città le segretarie di notai e avvocati sono in fila dalle prime ore del mattino per tornare ai propri lavori, nei piccoli centri abitati sono le chiacchiere a causare lunghe file ai poveri lavoratori e pensionati. E forse è colpa della burocrazia, forse è perché arrivano le multe da pagare lo stesso giorno delle pensioni, ma la coda sembra non abbandonarci mai.

E se sprechiamo 400 ore l’anno in banca e dal medico o di fronte alle macchinette del caffè perché siamo “obbligati” a farlo (sì, il caffè è di vitale importanza), ci sono code che potremmo evitare.

Il supermercato ad esempio, il luogo dove tutto dovrebbe essere facile, dove “mi serve il pane, lo prendo” è diventata ormai una battuta, è invece invaso da carrelli che formano file di umani. Inutile dire che la coda più corta è quella che inspiegabilmente, appena vi inserite, andrà a rilento.

Recentemente, tuttavia, i musei, i parchi divertimento, le SPA, le compagnie aeree e molte altre attrazioni, hanno adottato una politica di “fila prioritaria” per chi compra i biglietti on line. Piccole accuratezze che aiutano il cliente a non perder più tempo prezioso.

“Più è urgente il motivo per cui si fa una coda, più lento sarà l’impiegato allo sportello”.
Arthur Bloch, Regola di Flugg, La legge di Murphy II, 1980.

Federica Castellini

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Translate »