Morta Maryam Mirzkhani, prima donna “Nobel” per la matematica

0

16/07/2017- Si è spenta alla giovane età di 40 anni Maryam Mirzkhani. Fu la prima donna a vedersi insignita della Medaglia Fields, prestigioso riconoscimento per matematici.

Biografia di Maryam

Maryam nasce a Teheran nel 1977. Termina (“fortunatamente” diceva lei ) gli studi elementari al termine della guerra tra Iran e Iraq. Questo fortunato tempismo le ha permesso di poter continuare gli studi in ottimi istituti.













La scelta della carriera accademica da seguire non è stata per nulla scontata.

Da piccola amava la letteratura e non sembrava per nulla portata alla matematica.

Nonostante ciò sono stati i numeri e i calcoli a segnare la sua vita.

La scelta della carriera matematica si è fatta strada nella sua mente per piccoli ma significativi episodi.

Innanzitutto la curiosità suscitata in lei dai racconti del fratello, il quale le esponeva tutto ciò che imparava a scuola.

Altro piccolo tassello della sua “storia numerata” è stato il racconto di Carl Friedrich Gauss. La giovane era stata talmente tanto affascinata dalla storia del giovane che in pochi minuti era stato in grado di risolvere un complicato problema, da sentirsi sempre più affine al mondo dei numeri.

Maryam decide così di laurearsi, a Teheran. Il dottorato lo consegue ad Harvard.

Comincia ad insegnare a Princeton, poi a Stanford.

A chiunque le chiedesse di parlare di sé rispondeva di essere “una pensatrice lenta”. Amava soffermarsi sui dettagli e cercare di capire a fondo le questioni.

La mente di Maryam viaggiava.

Dei suoi viaggi nel mondo della matematica diceva che erano “lunghe escursioni, senza un sentiero tracciato né un traguardo visibile”.

Anche grazie alla sua capacità di pensare a fondo alle questioni, nel 2014 raggiunge un obiettivo che forse mai avrebbe pensato di poter raggiungere: la medaglia Fields.

Tale prestigioso riconoscimento (equiparato ad un premio Nobel) le fu consegnato a Seoul durante il “27esimo Congresso internazionale dei matematici” per “i suoi contributi alla dinamica e alla geometria delle superfici di Riemann e dei loro spazi di moduli”.

Spero che questo riconoscimento sia  d’ispirazione per sempre più giovani ragazze

– aveva commentato appena consegnatole il premio.

Questa sua insignizione fu una doppia novità per il mondo:

  • Maryam era la prima donna a riceverlo
  • Maryam era la prima Iraniana a riceverlo

Ed oggi tutto il mondo la piange e la rimpiange.

In un post su Instagram, l’amico Firouz Naderi, scienziato della NASA ha scritto :

A genius? Yes. But also a daughter, a mother and a wife.

 

Un genio? Si, ma anche una madre, una figlia e una moglie

Paola La Rosa 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.