Playstation TV: La Playstation Vita da casa sparita nel mare videoludico

Un'ottimo concept per una console potenzialmente unica sparito nel nulla nel giro di un anno. Ma perché?

0

Le console Sony sono tante ormai, e quasi tutte sono ricordate per aver trasmesso ai fortunati acquirenti sensazioni ed emozioni uniche, che mai potrebbero essere emulate da altre compagnie videoludiche. Tra le varie produzioni, però, alcune che passano inosservate ci sono, ed una di queste è la Playstation TV, mini-console da casa rilasciata al mondo nel 2013 in Giappone, e nel 2014 nel resto del mondo. Sono passati ben 3 anni dall’uscita della console in Europa, molte cose sono cambiate e i videogiocatori sembrano essersi dimenticati quasi completamente di questo misterioso aggeggio. Ma perché? 

Per rispondere a questa domanda, bisogna prima osservare la console per ciò che è: una minuscola tavoletta contenente pochissime uscite (una USB, una ethernet, una HDMI, una per l’alimentazione, una per una scheda di memoria, e infine un pulsantino di avvio). Al lato della console vi è uno scompartimento, che può contenere un gioco per PSVita in formato fisico. Eh si, la Playstation TV altri non è che una Playstation Vita collegabile alla televisione in HDMI. 
“Cosa fantastica!” penseranno moltissimi possessori della PSVita. “Finalmente potremo giocare a giochi elaborati con un comodo controller seduti sul divano a casa!”. E seppur questa frase sia assolutamente vera, c’è da dire che le cose non stanno esattamente così. Tanto per cominciare, tutto ciò che è presente all’interno della Playstation TV non contiene alcuna miglioria rispetto alla sua controparte portatile. Non vi sono boost grafici o di processore, e la console tende già di per sé ad essere anonima, data la provenienza dalla sfortunata console portatile.

una comparazione di Final Fantasy X tra PS2, PS3 e PSVita/PSTV. Da: youtube.com/digitalfoundry

Ma un lato positivo ce l’ha: come detto poc’anzi, è possibile giocare ai giochi per Playstation Vita su televisione fino ad una risoluzione in 1080i, il che è qualcosa di sorprendente, se si pensa che la console in formato portatile riesca a supportare i giochi in 720p. Per fare un paragone, giochi come Final Fantasy X o Need for Speed Most Wanted non hanno quasi nulla da invidiare alle loro controparti per console più grandi. Il lavoro fatto dal punto di vista grafico è notevole, e seppur a lungo andare si noti come alcune cose siano state abbassate di qualità, resta comunque sorprendente vedere come sia performante la console. 

E performante lo è moltissimo, dato che può fare pressocché tutto quello che la Playstation Vita può fare fuori casa. Grazie all’accessibilità tramite i controller PS3 e PS4, Playstation TV è capace di emulare l’utilizzo anche dei touchpad con la semplice pressione delle levette analogiche, o tramite l’utilizzo del comodo touchpad del controller Playstation 4. In aggiunta, è possibile anche scaricare tutta la libreria dei giochi PS1 giocabili su Playstation Vita, e giocare fino a 4 giocatori in un’emulazione molto fedele a quella vista su Playstation 3, senza che la console si affatichi minimamente.




Ma come mai allora la console non è conosciuta? Le motivazioni sono effettivamente poche, ma cruciali per la crescita dell’apparecchio: prima tra tutte le motivazioni è che la Playstation TV non supporta tutta la libreria dei giochi Playstation Vita. Cioè, teoricamente la supporta, visto che esistono diverse modifiche che mostrano come giochi del calibro di “Uncharted: Golden Abyss” siano comodamente giocabili senza limitazioni, eppure Sony ha deciso di lasciare più spazio alla console portatile per fare in modo che Playstation TV sia un semplice modo di… affiancare la Playstation 3 e la 4 in un servizio di streaming in casa da una televisione ad un’altra. 

PSTV
Il servizio di streaming su PSTV. Da: pcadvisor.co.uk

Per spiegarsi meglio, Playstation TV, seppur con tutte le sue particolari caratteristiche, è stata studiata per fare in modo che si potesse giocare alla Playstation 4 tramite un altro schermo di casa che non fosse quello originale a cui è collegata la console, facendo un effetto “à la Wii U” che mai è stato utilizzato, e ha dimostrato di non essere stato effettivamente gradito da nessuno. In aggiunta, la provenienza della Playstation TV dalla Vita, che già di per sé era una console molto indietro rispetto al 3DS, ha avuto come risultato il fatto che giocare ai giochi PSVita/PS1/PSP su TV non fosse una motivazione abbastanza importante per comprarla, seppur il prezzo fosse fin da subito piuttosto contenuto (120 euro all’uscita, scalati in 60 euro da circa 2 mesi dall’uscita, per poi aver visto le vendite in grandi numeri quando la catena Unieuro la scontò a ben 20 euro con 3 giochi annessi).

Insomma, PSTV è stata un flop mediatico, ma non tutto è perduto: esistono fan affiatati della console in grado di farci magie, e di per sé la console può essere un buon passatempo quando si ha poco tempo tra le mani e si vuole fare una partitina veloce a qualche bel gioco. Resterà un apparecchio ottimo per ricordare ciò che sarebbe potuta essere usufruendo della ristretta libreria a disposizione da Sony. 

Graziano Ferilli

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.