Mio fratello è figlio unico

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA
aaa
Mio fratello è figlio unico, perché quando chiama persone e cose con il loro nome, viene fatto fuori.
Perché dopo ogni canzone che canta, dopo ogni poesia che scrive, dopo ogni discussione che tiene, la domanda, esplicita o occulta, che pone è: “C’è qualcuno che mi capisce?“.
E perché ha imparato che una camicia perfettamente stirata ed una cravatta impeccabilmente annodata, possono arrecar più danni di un paio di jeans strappati sotto un vecchio maglione.
Mio fratello è figlio unico, perché ai LED dalla luce bianca preferisce le Stelle.
Perché il suo naso non si annoia mai: se non è affondato in un libro, sta puntando la Luna.
E perché ad un aperitivo in centro, preferisce il tramonto dal punto in cui si vede meglio.
Mio fratello è figlio unico, perché ha capito che Amicizia ed Amore, sono una cosa seria e ci pensa bene prima di attribuire questi nomi alle relazioni che instaura.
Perché non ha perso di vista i suoi sogni e non lo farà mai. E sia: ne cercherà la realizzazione anche tra le fiamme dell’ inferno o sotto le ali degli angeli.
E perché ai soldi a palate, lui antepone la felicità, anche se assaporata a briciole.
Mio fratello è figlio unico, perché se non è bianco, è un delinquente; se è omosessuale, è un pervertito; e se non è come gli altri lo vogliono, è un tipo da cui tenersi lontani.
Mio fratello è figlio unico, perché ha imparato che non è importante se il bicchiere è mezzo pieno o se è mezzo vuoto: l’importante è avere sempre un buon motivo per brindare.
Perché quando si allontana dalla famiglia, non è ovvio che lo faccia perché pretende sempre troppo: può anche farlo perché non ha avuto abbastanza. E perché quando arriva il 31 dicembre o il giorno del suo compleanno, non è tutta euforia.
Mio fratello è figlio unico perché sa che le persone pericolose non sono quelle “strane” ma quelle annoiate.
Perché sa che lo stato più rischioso non è quello dato dall’ inquietudine ma quello apportato dalla rassegnazione.
E perché, pur se sfruttato, frustrato e oppresso, lui, continua. Procede. Oltre il Mare, oltre il Cielo, oltre l’oggi che mette alla prova.
Mio fratello è figlio unico. E lo è perché non riesce a farsene una ragione.
Perché crede che in ogni Bambino e in ogni Bambina, v’è una speranza.
Perché crede che ogni Uomo e ogni Donna, corrisponde ad una possibilità.
Perché in ogni Persona Anziana, scorge una filosofia, una ricchezza, una spiegazione.
E perché in ogni Giorno che nasce, riconosce il senso, di se stesso e del suo essere al mondo.
Mio fratello è figlio unico. E pur essendo tale, mi ha insegnato il giusto modo di vivere da fratelli. Come fratelli. Perché fratelli.
  
Deborah Biasco

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *