Mostra in memoria di Massimo Troisi

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

In ricordo della scomparsa dell’attore Massimo Troisi, la sua figura rivive grazie ad una mostra con ritratti, disegni, fotografie e vignette dedicate alla sua vita privata e alla sua carriera da attore.  La mostra è stata inaugurata a San Giorgio a Cremano, città d’origine dell’attore, nell’ex Goethe Cafè in Villa Bruno, la mostra chiamata “Pensavo fossi amore…invece sei di più”, in occasione dell’anniversario della scomparsa avvenuta il 4 giugno 1994, la mostra sarà visitabile fino all’ 11 giugno.

 

A promuovere l’evento c’è anche l’amministrazione, col sindaco Giorgio Zinno che ci dice: “Vogliamo ricordare Massimo Troisi, con un evento sobrio ma sentito. Nell’anniversario della sua scomparsa abbiamo pensato di aprire a tutti un luogo dove fossero raccolte le sue immagini, con quelle espressioni uniche che hanno caratterizzato la sua carriera e il suo personaggio. Sarà un silenzioso pellegrinaggio ma costellato non di lacrime, bensì di sorrisi, proprio come lui avrebbe voluto”.

 

www.ansa.it

In occasione della mostra sarà possibile entrare nella “Casa di Massimo” vicino al Goethe Cafè, che il comune ha dato all’associazione per ricreare la vera abitazione di Troisi, con i suoi arredi, i suoi strumenti musicali, i suoi giochi, la borsa e le divise di calcio, la bicicletta del film “Il postino”, i ciak, i premi appartenuti all’artista. Questa iniziativa è stata promossa dal fratello Luigi situata al piano terra della villa.

 

Tra i tanti ritratti della mostra, spicca Troisi nelle vesti della maschera napoletana di Pulcinella e nella sua capacità di esprimersi attraverso la gestualità.Nella mostra c’è  una raccolta di 41 foto, dove sono rappresentati gli anni da lui vissuti, e dove si illustrano i momenti più importanti della carriera da attore e della sua vita privata.

 

 

 

 

 

 

Stampa questo articolo