Seneca e l’uscita di scena: il suicidio

http://matteoborgi.deviantart.com/
0

Un grande attore di teatro sa di poter uscire dal suo personaggio soltanto qualche metro oltre le quinte,  qualche lungo secondo dopo il palcoscenico.

http://matteoborgi.deviantart.com/
http://matteoborgi.deviantart.com/

Quando quel palcoscenico è la vita, non possiamo sempre scegliere come uscire,  perché una  vecchiaia ad ostacoli, una malattia e vari altri inveterati mostri del caso, possono disarcionarci dal lucido cavallo vitale.

Dunque cadiamo a terra, senza potere e volontà, trascinati dalla bestia verso l’uscita inevitabile, trascinati.

Bestia che si vede in occhi aperti ma spenti, in un pasto che diventa difficile da deglutire, in allucinazioni da farmaco, ad esempio.

Sono pochi gli uomini che una lunghissima vecchiaia ha condotto a morte senza far loro danno; molti hanno passato un’esistenza inerte e inutile” .

E continua  ancora Lucio Anneo Seneca ( 4 a.C.- 65), nelle sue “Lettere a Lucilio”:

C’è molta differenza tra il prolungare la vita o la morte. Ma se il corpo è ormai inetto alle sue funzioni, perché non dovremmo liberare da esso uno spirito affaticato? E forse bisogna farlo prima che vi sia obbligato, affinché non capiti che uno non possa più farlo.
Non rinuncerò alla vecchiaia se mi conserva tutto intero; voglio dire intero nella parte migliore del mio essere.

Ma se essa comincerà a farmi vacillare la mente e ad offuscarmela, se non mi lascerà la vita, ma solo un soffio di vita fisica , balzerò fuori dall’ edificio putrido e cadente. Non fuggirò la malattia con la morte, purché mi sia possibile guarire e lo spirito non ne resti menomato. Non volgerò le mani contro me stesso per paura del dolore: in tal caso, darsi la morte significa lasciarsi vincere. Ma se saprò di dover soffrire senza termine, me ne verrò fuori dalla vita non per le sofferenze in se stesse, ma perché vedrò in esse un ostacolo a tutto ciò che costituisce la ragione di vivere.

È debole e vile chi si dà la morte per timore di soffrire; è stolto chi vive per soffrire
Lettera 58. Considerazioni sulla  filosofia di Platone

Non è un bene il vivere, ma il vivere bene. (…) La legge eterna non ha fatto niente di meglio di questo: ci ha dato un solo modo per entrare nella vita, ma molte possibilità di uscirne.”
Lettera 70. Considerazioni sul suicidio

Davvero non possiamo scegliere come uscire dalla vita?

Quel boato che scatena la parola “suicidio” è sempre lecito? O deriva in parte dal fatto che le solite immancabili concezioni socio-religiose lo ritraggono come tutta quell’erba di cui si fa proverbialmente un fascio?

 

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi