La Rai messa in difficoltà dalla politica

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

ANGELINO ALFANO ATTACCA LA RAI DICENDO CHE STANNO FACENDO INFORMAZIONE DI PARTE

Sembra non essere finita la guerra  in Rai dopo la pubblicazione sul web degli stipendi di giornalisti e dirigenti, pare sia sopra i 200mila euro. Secondo Angelino Alfano, ministro dell’Interno e leader di Ncd dichiara: “Il direttore non può guadagnare sei volte più del presidente del premier”.

Le polemiche di Alfano non riguardano solo la Rai, ma anche le scelte di viale Mazzini che spesso si affida a giornalisti esterni, magari di testate giornalistiche di parte, anziché valorizzare le professionalità sul posto. Alfano pensa che i telespettatori preferiscano giornalisti che sono già pagati con il canone, piuttosto che trasmissioni condotte da giornali di sinistra che poi sembrano fare dei “buchi nell’acqua”.

http://www.lyngsat-logo.com/tvchannel/it/RAI-HD.html
http://www.lyngsat-logo.com/tvchannel/it/RAI-HD.html

GLI ESPONENTI DEL GOVERNO PROPONGONO UN ABBASSAMENTO DEGLI STIPENDI DEI DIRIGENTI
In tutta la discussione mediatica interviene anche Michele Anzaldi, dipendente della Vigilanza Rai, opta che il direttore generale e la presidente Monica Maggioni si dimezzino lo stipendio.

Anzaldi pensa: “Campo Dall’Orto e Maggioni devono dare l’esempio applicandosi un tetto massimo”. Solo se i capi danno il buon esempio possono poi per chiedere agli altri una costosissima rivisitazione contrattuale. Non si va da nessuna parte senza una proposta d’impatto,da parte dei capi aziendali. Finora abbiamo visto solo ad una interminabile sequenza di assunzioni, spesso a tempo non stabilito.

I PARLAMENTARI RENZIANI ACCUSANO IL TELEGIORNALE DI NON FARE INFORMAZIONE SULLA SALERNO-REGGIO CALABRIA
Il Pd intanto trova modo di contestare il Tg3, di aver “nascosto” l’ennesima iniziativa della Salerno-Reggio Calabria con l’arrivo del premier Matteo Renzi. Come mettono in evidenza i più popolari siti di informazione, da oggi per la prima volta nella storia, la Salerno-Reggio Calabria è percorribile senza interruzioni, ma per il Tg questa non sembrano notizia degne di nota e i deputati del PD pensano che sia una strategia per fare campagna contro il governo.

Con l’arrivo dell’estate si da bollino nero dell’esodo estivo, all’arrivo del premier Renzi viene chiuso l’ultimo cantiere per l’autostrada che gli italiani da anni, attendevano che fosse completato. Gli spettatori del servizio pubblico collegati su RaiTre, però, non hanno avuto il modo di essere aggiornati su questa notizia. Converge con la stessa opinione anche Alessia Morani, vicecapogruppo alla Camera: “La Salerno-Reggio è una notizia per tutti i siti di informazione, ma nel Tg3 non c’è traccia”.

Se non si vuole rispondere alla politica, si può spiegare almeno agli utenti, il motivo di questa mancata notizia che, a detta loro, sta andando contro agli interessi dei cittadini e del governo.

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.