Cosa frega davvero agli italiani? La criminalità sopra tutto

0

img_20161124_193555

Se un marziano oggi atterrasse in Italia e se per assurdo si prendesse la briga di leggere i giornali o incollasse i suoi occhi, ammesso che ne abbia, al televisore, sarebbe indotto a pensare che la questione principale al centro degli interessi degli italiani è il referendum del 4 dicembre. Su questo appuntamento elettorale, infatti, si stanno consumando fiumi di inchiostro e pronunciando milioni di parole. Per non parlare della lotta intestina tra i sostenitori del SI e i fautori del NO, improntata allo scambio reciproco di complimenti eleganti e sobri.
Se questo marziano, o magari un venusiano fate voi, decidesse poi di indagare più a fondo la riflessione sulla disputa referendaria, trarrebbe la conclusione che agli Italiani interessi come non mai il confronto sulla deriva autoritaria, sulla fine del bicameralismo perfetto o sull’abolizione del CNEL per citare alcuni argomenti caldi. Considerato il baillame in corso, le sue deduzioni sarebbero più che logiche e appropriate. Ma probabilmente, ad un’analisi più approfondita, risulterebbero sbagliate, o quantomeno sopravvalutate.
A dispetto infatti di quello che si vede e si sente in giro, le attenzioni del popolo italico sono rivolte ad altro. Scorrendo i recenti dati pubblicati dall’Istat si comprende come le preoccupazioni degli italiani siano diverse, meno politiche e più pragmatiche. La criminalità, ad esempio, percepita come un problema dal 38.9% della famiglie, l’inquinamento ( dal 38%), la carenza di mezzi pubblici (32,9%). Poi a ruota i parcheggi, il traffico, la sporcizia e via dicendo.
Da questo punto di vista non sbagliava, qualche anno fa, Giulio Tremonti quando nel suo saggio “La paura e la speranza” sosteneva che con la caduta delle ideologie e dei grandi sistemi politici, le genti avevano finito per credere solo nelle cose piccole, quotidiane e tangibili. Che tradotto, non significa la richiesta di una riforma della scuola, ma di un edificio scolastico, il loro, che non cada a pezzi. Non una riforma delle pensioni, ma la certezza di un assegno dignitoso a fine mese dopo una vita passata in fabbrica. Insomma, le ansie dei più hanno un orizzonte spazio-temporale piuttosto circoscritto, ma a cui comunque è bene riservare una giusta dose di attenzione. Perché sottovalutando questi mal di pancia scaturiscono conseguenze imprevedibili. Per le quali alcune risposte semplicistiche della politica potrebbero non bastare più.

 

Alessandro Orofino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi