165 paesi a basso-medio reddito hanno un debito con la Cina di 385 miliardi

AidData ha rilevato che 42 dei 165 paesi a basso e medio reddito coinvolti, hanno  un’esposizione superiore al 10% del loro PIL con la Cina. Cosa comporta la politica della “belt and road” cinese in questi paesi?

I ricercatori hanno identificato debiti pari ad almeno 385 miliardi di dollari (332 miliardi di euro) dovuti da 165 paesi alla Cina per i progetti avviati. Si tratta di prestiti sistematicamente sottostimati in modo da riportare cifre inferiori agli organismi internazionali come la Banca Mondiale. Lo studio quadriennale del laboratorio di ricerca AidData, sede negli USA, ha detto che gli oneri del debito sono stati tenuti fuori dai bilanci pubblici. Si riesce a fare ciò attraverso l’uso di prestiti speciali e semi-privati

Di tutti i dati analizzati, 42 paesi a basso-medio reddito (LMIC) sono risultati con un’esposizione debitoria verso la Cina superiore al 10% del loro PIL. Tra questi si vedono cui Laos, Papua Nuova Guinea, Maldive, Brunei, Cambogia e Myanmar.

Il Laos aveva proporzioni significative del suo debito classificato da AidData come “nascosto”, ha rivelato il rapporto. Il progetto ferroviario Cina-Laos da 5,9 miliardi di dollari è finanziato interamente con un debito non ufficiale equivalente a circa un terzo del suo PIL.



La belt and road initiative ed i 42 paesi fortemente indebitati

La belt and road initiative (BRI) è stata lanciata nel 2013 come programma di investimenti internazionali firmato da Xi Jinping. Centinaia di paesi prevalentemente a basso-medio reddito hanno firmato per i prestiti cinesi verso progetti infrastrutturali massicci. Ora, però, stanno affrontando la concorrenza dell’iniziativa infrastrutturale del G7 ” Build Back Better World”.

AidData ha esaminato 13.000 progetti BRI per un valore di oltre 843 miliardi di dollari in 165 paesi tra il 2000 e il 2017. Ha scoperto che i prestiti all’estero della Cina non sono più prestiti “da governo a governo” come durante l’era pre-BRI. Ora quasi il 70% dei prestiti va a società e banche statali, joint venture, istituzioni private e veicoli speciali (SPV). Questo ha portato alla sottostima degli obblighi di rimborso perché i mutuatari primari non sono più istituzioni del governo centrale con requisiti di segnalazione rigorosi.

“Questi debiti, per la maggior parte, non appaiono nei bilanci dei governi dei paesi meno sviluppati”, dice il rapporto. “Tuttavia, la maggior parte di essi beneficia di forme esplicite o implicite di protezione della responsabilità del governo ospite. Questo ha offuscato la distinzione tra debito privato e pubblico e ha introdotto importanti sfide di gestione delle finanze pubbliche per i LMIC”. AidData, tuttavia, ha detto che le organizzazioni globali come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale erano consapevoli del problema in generale.

Tra le crescenti controversie intorno all’iniziativa, e il pushback di alcuni governi che hanno cercato di eliminare o rinegoziare i progetti, i prestiti sono rallentati. I debiti precedenti, però, rimangono. Nel 2019, Xi si è impegnato ad aumentare la trasparenza e la stabilità finanziaria del programma, e ad avere una “tolleranza zero per la corruzione”.

La diplomazia del libro prestiti

I prestiti massicci ai paesi ad alto rischio stavano permettendo la “diplomazia del libro dei debiti” in alcune – ma non tutte – le regioni. Questo costringerebbe i paesi a cedere la proprietà o il controllo dei beni principali a Pechino in luogo del rimborso. “Molti governi poveri non potevano assumere altri prestiti”, ha detto all’AFP il direttore esecutivo di AidData, Brad Parks. “Così [la Cina] è diventata creativa”.

Peter Cai, un ricercatore del Lowy Institute con sede in Australia, ha detto che sarebbe stato difficile far rispettare i rimborsi del debito. Il rapporto ha anche scoperto che la Cina ha aumentato la fornitura di prestiti a paesi ricchi di risorse che hanno alti livelli di corruzione. Il 35% dei progetti BRI, infatti, ha affrontato problemi di corruzione, violazioni del lavoro, inquinamento ambientale e proteste pubbliche.

“Pechino è più disposta a finanziare progetti in paesi a rischio rispetto ad altri creditori ufficiali, ma è anche più aggressiva dei suoi pari nella linea di rimborso. Una scoperta separata ma correlata ha mostrato che Pechino stava prestando in modo sproporzionato a paesi poco affidabili. A questi la Cina richiedeva tassi di interesse più alti e tempi di rimborso più brevi.

Il caso esemplare è il Pakistan, che secondo Asia Nikkei ha avuto prestiti cinesi con tassi di interesse medi del 3,76%. Quelli legati all’OCSE tipicamente sono all’1.1%. “Molte banche non presterebbero nemmeno al Pakistan. Se sei in grado di garantire un prestito, devi pagare il premio di rischio più alto”, ha detto. Il ministero degli Esteri cinese ha detto in una dichiarazione che “non tutti i debiti sono insostenibili”. Si sostiene che dal suo lancio la BRI ha “costantemente sostenuto i principi di consultazione condivisa, contributi condivisi e benefici condivisi”.

Francesco Maria Trinchese

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *