A Marconia ci celebra la normalità dello stupro di due minorenni

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, alle 3.30 dello scorso 7 settembre, due minorenni inglesi hanno chiamato il 118 riferendo di aver subito una violenza sessuale da parte di un gruppo di ragazzi a Marconia, ne Materano. La violenza è avvenuta intorno alle ore 00.30 nel giardino di una villa in cui si teneva una festa privata alla quale partecipavano i quattro giovani arrestati con età compresa tra i 19 e 23 anni. Altri tre sono indagati, anche se ci sarebbe stata un’ottava persona a ‘partecipare’ allo stupro.


Le hanno stuprate in 8.
La dottoressa del pronto soccorso che le ha visitate, era sconvolta dai traumi fisici che hanno riportato.
Ma sulla notizia quasi nessun cenno, nemmeno sui social.
Lo stupro non fa notizia.
Lo stupro è d’uso comune, è qualcosa di normale. La normalità di una cultura che si sente in diritto di sopraffare, di umiliare, di distruggere nel più sadico dei modi.

Riuscite ad immaginare cosa 8 giovani uomini possano aver fatto alle due ragazzine di 15 anni durante lo stupro avvenuto a Marconia?

Non ci sarà stato orifizio che non sia stato penetrato, abusato, lacerato.
In balia per ore della follia distruttiva di otto uomini.
OTTO.
Otto lingue che frugano ovunque, che violano ogni brandello di intimità.
Otto bocche che mordono la carne, che la addentano fino a farla sanguinare, che lasciano lividi che per giorni saranno il ricordo vivo e tangibile dello stupro per ognuna di queste ragazze. Otto bocche che parlano e insozzano per sempre la mente. Delle parole dello stupro non si fa mai cenno ma è un ricordo incancellabile, uno dei più devastanti.
Sedici mani che frugano rabbiose, che stringono, bloccano, picchiano, imprigionano, entrano nel corpo come se fosse solo carne, sangue, nervi privi di sentimenti e pensieri.
Sedici gambe che si fanno spazio e affossano ogni resistenza, che pesano addosso, che paralizzano.
Otto membri che si alternano nello spingersi dentro al corpo. Uno, due, tre, quattro…alternandosi uno alla volta, poi tutti insieme e poi ancora a turno, incuranti se, forzandoli brutalmente, straziano i muscoli che sono contratti, se la sensazione di sentirsi aprire fino a pensare di squartarsi pervade ogni meandro di corpo e mente, se le carni si lacerano fino a sanguinare sotto la pressione di una forza bestiale, se in mezzo a tanta violenza, concepiranno un bambino, se infetteranno con i loro fluidi non solo un corpo che era integro ma tutta un’esistenza che si spezza in poche ore, per sempre.
Poi i colpi. Sul viso, sulla bocca, sul naso, sulle gambe, la schiena, la testa.
I capelli tirati allo spasimo, il collo tenuto stretto in una morsa fino a sfiorare l’asfissia.
Il sangue che cola ovunque. Dal volto, dalla vagina, dal retto.
Il dolore istupidisce ma mai abbastanza, mai fino al punto di non essere più lì.
E ancora colpi. Il bacino e i visceri ne incassano uno dopo l’altro senza soluzione di continuità. Ogni antro è forzato, il dolore è totalizzante. Ogni centimetro di pelle, ossa e muscoli è sofferente. I pensieri sono spezzati.
Il corpo in quei momenti è un foglio di carta straccia. Insozzato e strappato.
Preso con forza, girato e rigirato secondo ogni laida fantasia, cavalcato, maneggiato senza che chi lo usa pensi nemmeno un istante ai danni che gli sta infliggendo.
La mente vacilla, poi cede, soccombe.
Non resta più nulla di vivo.

Questa è la normalità di uno stupro di cui non ci si occupa.

E poi c’è il dopo.
Il dopo dei giudizi, il dopo delle sentenze dei benpensanti e dei moralisti del “se la sono cercata”, il dopo della storia scritta da altri sui giornali, il dopo di chi ha la ricetta giusta, quella che avrebbe scongiurato la violenza, il dopo dei “se fosse stata mia figlia non l’avrei mai fatta andare ad una festa a 15 anni”, il dopo di chi finge che non possa succedere se una ragazza, se una donna si comportano secondo i canoni scritti da una società che nello stupro aliena alle donne il diritto di esistere, il dopo di chi non vuole vedere che gli stupratori sono ovunque, il dopo di chi pensa che fare sesso con una prostituta sia normale, normalizzando così, nella coscienza collettiva, lo stupro, il dopo di chi si compiace, di chi gode dello stupro fantasticando e dando sfogo alla sua perversione, il dopo di chi erotizza lo stupro pensando che sia solo sesso rude, il dopo di una società, di un mondo che per convenienza pensa allo stupro come ad una violenza come un’altra e non come alla volontà di distruzione e annientamento di ciò che una donna rappresenta, il dopo di una collettività che con i tutti i suoi dopo, legittima lo stupro.
Ecco cos’è la normalità dello stupro.
In un mondo che alimenta l’odio per le donne, siamo noi.
Siamo ancora noi.

6 Thoughts

  1. Le comunità di Pisticci e Marconia è tremendamente scossa da quello che è successo. Il Comune si è costituito parte civile. La popolazione è così esterrefatta che non ha parole se non di sdegno. Da quali elementi Lei ha dedotto che la comunità sia rimasta indifferente?

    1. Ciao Giovanni, non abbiamo mai scritto che la cultura di Matera prevede la violenza sessuale. Grazie per averci dato modo di chiarire.
      Un abbraccio.

  2. Tutta la comunità Pisticcese è terribilmente scossa da ciò che è accaduto. Non si permetta mai più di scrivere che da parte della nostra comunità ci sia indifferenza e “normalitá” solo per fare odiens. Consiglio…..riscriva l’articolo.

    1. Ciao Pietro, e grazie per averci dato la possibilità di chiarire. Il suo commento è frutto di tanta rabbia (condivisibile dopo eventi così tragici che coinvolgono la comunità nella quale molto probabilmente vive! Noi abbiamo scritto quando da te affermato, l’indifferenza non riguarda la sua comunità ma, in generale, uno spesso strato sociale del nostro Paese e non. Cordialità

  3. Alla luce del riscontro dato a Pietro, allora dovrebbe cambiare il titolo del Suo articolo, sostituendo “A Marconia…” con “Ancora una volta…”, se è vero che intendeva dire che “l’indifferenza non riguarda la Sua comunità ma, in generale, uno spesso strato sociale del nostro Paese e non”.
    In ogni caso, non penso esista uno spesso strato sociale del nostro Paese (e non) per cui lo stupro sia normale. Piuttosto, esiste uno spesso strato sociale che con viltà cerca di allontanare lo spettro che lo stupro possa toccarlo da vicino.
    Lo stupro non è normale per nessuno. E’ un mostro che come tale va affrontato e combattuto.
    Lo si fa anche con articoli che, invece di accusare di indifferenza (accusa che ha come reazione la naturale difensiva o altra indifferenza), potrebbero aiutare a combattere il mostro e a creare una cultura di prevenzione dello stupro.
    Come? Facendo aprire gli occhi su quel baratro nero che è la possibilità che i propri figli possano essere carnefici o vittime…
    E da lì ripartire con il rafforzare l’indebolita cultura del rispetto dell’altro, MASCHIO o FEMMINA che sia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *