Abiti etici e low cost direttamente dall’India: il Progetto Full Power

Matteo Momentè ed Isabella Rovaris. Fonte immagine: https://www.corriere.it/buone-notizie/18_maggio_18/india-abiti-etici-low-cost-consumo-consapevole-full-power-treviso-c36c91f8-5ab5-11e8-be88-f6b7fbf45ecc.shtml
0

Siamo in India, in un’azienda del settore tessile che produce vestiti. Il clima, però, non è quello a cui ci hanno abituati i documentari denuncia o i reportage sullo sfruttamento di bambini e manodopera adulta. I vestiti che si realizzano qui sono davvero a “misura d’uomo”, nel senso che rispettano la dignità dei lavoratori che li producono inserendosi in una filiera interamente equo-solidale. Questa è la filosofia alla base del progetto Full Power, ideato da Isabella Rovaris e Matteo Momentè.



La passione per l’India e la creazione dei vestiti etici

Isabella Rovaris e Matteo Momentè, trevigiani di San Donà di Piave, hanno entrambi una grande passione per l’India. Infatti, come spiega Isabella al “Corriere della Sera“:

” La folgorazione per l’India è alla base di ciò che facciamo. Entrambi eravamo stati in India per vacanza, ci era rimasta dentro. Nel 2009 ci siamo innamorati, nel 2015 la svolta: abbiamo capito che il nostro destino era strettamente legato a quel Paese”.

È così che nasce il progetto “Full Power”, la determinazione di questa coppia, psicologa forense lei, attore lui, è riuscita a creare un marchio che si affranca dalla logica di sfruttamento. Infatti i vestiti che portano questo marchio sono prodotti usando cotone biologico prestando grande attenzione sia ai materiali che alla manodopera.  Matteo ed Isabella trascorrono i  loro inverni in India nello Stato del Rajasthan, dove creano nuove collezioni e supervisionano la produzione della loro azienda. Le collezioni vengono create insieme al maestro sarto Goyal e ogni anno si producono 2000 vestiti.  

I prodotti marchiati “Full Power” non si fermano in India ma vengono venduti anche in Italia, sopratutto attraverso la rete del commercio equo-solidale. Così, le estati passate in Italia tra fiere e mercati completano il lavoro fatto in India, attraverso una vendita diretta che informa meglio il cliente. Infatti, l’obbiettivo di Matteo e Isabella è creare un consumo consapevole, attivo ed informato.

Naturalmente, tutta questa attenzione alla qualità ed alla sostenibilità non perde di vista l’importanza di un prezzo accessibile.

Isabella e Matteo assicurano: “Niente di ciò che vendiamo costa più di 60 euro anche questo è commercio etico”.

I progetti per il futuro

Questo luminoso presente non sembra bastare alla coppia che vuole far crescere ancora il progetto creando un sito web pensato come una vera e propria piazza virtuale ed etica dove di venderanno anche cibo ed altri prodotti di artigianato. Tutto rigorosamente equo e solidale.

Gessica Liberti

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi