Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile: tutti possiamo fare la differenza, anche dal divano

Tutti possiamo fare la differenza attraverso comportamenti quotidiani utili a “salvare l’ambiente”.

Anche noi, in quanto singoli, possiamo contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, sottoscritta dai 193 Stati membri delle Nazioni Unite.

Non ci sono scuse, anche dal divano di casa, tutti possono essere sostenibili. In che modo? Di quali azioni stiamo parlando concretamente?

– Risparmiando sull’elettricità, collegando i devices ad una presa multipla, spegnendo le luci quando non servono.

– effettuando pagamenti online oppure via smartphone quando possibile.

– condividendo sui social network pubblicazioni interessanti sul tema del cambiamento climatico o altri argomenti afferenti alla sostenibilità.

– informandosi.

Questi sono solo alcuni dei consigli utili agli obiettivi: potrebbero sembrare banali, ma sono in ogni caso efficaci (altri, anche più specifici, potete trovarli qui).

Particolare rilevanza assume la divulgazione e la condivisione di informazioni utili a comprendere il tema dello sviluppo sostenibile nel suo complesso, così come la sua importanza.

Infine, si parla di informazioni che ci fanno riflettere e tenere in considerazione che tutti possiamo essere sostenibili.




Tutti possiamo fare qualcosa, nel nostro piccolo, per contribuire a soddisfare i 17 obiettivi dell’Agenda 2030.

Tra questi, vi sono: sconfiggere povertà e fame, assicurare salute e benessere per tutti, un’istruzione di qualità e la parità di genere.

In ambito più prettamente ambientale, parliamo di acqua pulita e servizi igienico-sanitari, energia pulita ed accessibile.

Ancora, un lavoro dignitoso, crescita economica insieme alla promozione di imprese, infrastrutture e innovazione; ridurre le diseguaglianze all’interno delle Nazioni e fra Nazioni, per raggiungere i traguardi prefissati.

A proposito delle città, l’Agenda 2030 punta l’attenzione su comunità sostenibili e sicure, modelli di consumo e produzione responsabili. Non può mancare la lotta al cambiamento climatico e l’azione per uno sviluppo sostenibile delle risorse marine. Si tratta di temi che richiedono un’attenzione sempre crescente.

Poi, la protezione dell’ecosistema terrestre, la promozione di società pacifiche e inclusive ai fini dello sviluppo sostenibile.

Infine, l’ambizioso piano per attuare e rafforzare la partnership mondiale tra Governi, privati e società civile. Un piano finalizzato al successo dell’intero programma d’azione.

 

Marta Annalisa Savino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *