Ci sono gli spogliarellisti!

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Bussare alla porta di una casa in cui è in corso un party per chiedere di abbassare la musica e venire scambiati per spogliarellisti.

Questa è l’avventura, o per meglio dire, disavventura, capitata a due agenti tedeschi.

Un paio di settimane fa a Benford, in Germania, un gruppo di donne stava festeggiando animatamente il cinquantesimo compleanno di una di loro.

Il volume dei festeggiamenti, eccessivamente alto, ha infastidito i vicini, i quali si sono messi in contatto con la polizia richiedendo l’intervento di una pattuglia per far abbassare il volume alle allegre signore.

Sul posto è giunta una pattuglia di due agenti, un venticinquenne e un cinquantenne.

Gli agenti, dopo aver bussato alla porta, si sono visti accogliere da un gruppo di donne entusiaste e sorprese, convinte che i due malcapitati fossero degli spogliarellisti chiamati da qualcuno come regalo per la festeggiata.

agenti spogliarellisti
commons.wikimedia.org

Gli uomini hanno cercato più volte di chiarire la situazione e spiegare il motivo di quella visita, ma si sono visti abbracciare e baciare dalle cinquantenni festanti. Qualcuna ha anche tentato di spogliarli.

I loro ammonimenti, tentativi di fare capire alle donne rese ancora più esuberanti dall’alcool, di essere dei veri poliziotti sono serviti solo a fare entusiasmare maggiormente.

Le donne erano convinte che si trattasse di battute studiate apposta per il ruolo che i due stavano recitando.

Certo, resistere alle avance di una decina di signore non deve essere stato facile.

L’imbarazzante e bizzarro equivoco è stato chiarito quando, una delle donne, affacciandosi alla finestra ha visto i lampeggianti accesi di una volante della polizia che era stata parcheggiata davanti alla casa della festeggiata.

Immediatamente la musica è stata abbassata e i due agenti della polizia hanno potuto riprendere il servizio, probabilmente un po’ scossi.

Magari in futuro quando racconteranno a qualcuno di quella volta in cui sono stati scambiati per spogliarellisti da un gruppo di cinquantenni scatenate.

Stampa questo articolo