Alcolici: banditi dalla Francia agli europei

chiamarsibomber.com
0

La Francia ritira gli alcolici durante gli europei

Lo scorso sabato, dopo ennesimi scontri di piazza tra hooligan inglesi, russi e tifosi francesi, lo scontro con le autorità è stato molto forte e il bilancio è purtroppo molto pesante. Le persone ferite gravemente risultano essere intorno alle tre decine e due tra queste, un uomo inglese e uno russo, lottano per la vita. A tutto ciò ha contribuito notevolmente l’ampio consumo di alcolici , oltre che l’evidente follia di alcuni tifosi.

Rischiare la vita per la follia di un gioco o di un bicchiere di troppo: su quanto possa essere giusto tutto ciò, si interrogano gli stati coinvolti. Dopo le disumane violenze nella città di Marsiglia, la Uefa ha aperto un procedimento disciplinare contro la Russia che sarà discusso nella giornata di domani, 14 giugno. L’accusa è quella di comportamenti razzisti dei tifosi sugli spalti nei confronti delle altre squadre e per questo si pensa che la pena possa essere quella della squalifica.

La tensione è molto alta a Marsiglia, città coinvolta dalla violenza dei tifosi. Si teme per questa sera che nella città di Lione si possano verificare nuovi scontri durante la partita che vedrà contrapporsi alle ore 21:00 Italia e Belgio. Per questo le misure di sicurezza sono state intensificate notevolmente, per garantire il regolare svolgimento della partita e dei successivi festeggiamenti da parte della squadra vincitrice.

Alcolici
chiamarsibomber.com

Tra le misure di sicurezza previste, il ministro degli Interni Bernard Cazeneuve ha rivelato che nel giorno della vigilia e in quello della partita nessun punto vendita potrà fornire sostanze alcoliche e ne sarà limitato, se non chiuso, anche solo il trasporto: “Diversi prefetti hanno già imposto delle restrizioni riguardanti la vendita, il trasporto e il consumo di alcolici. Ho chiesto che vengano prese tutte le misure necessarie affinché alla vigilia e il giorno della partita vengano proibiti in tutte le aree sensibili la vendita e il trasporto di bevande alcoliche”.

Credere che la furia e la violenza degli scorsi giorni sia dovuta soltanto a un bicchiere di troppo è un’utopia, ma senza dubbio ridurre il consumo di alcol renderà più controllabile la situazione.

Maria Giovanna Campagna

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi