Amazon affronta un nuovo tentativo di sindacalizzazione

Sei mesi dopo un fallimento in Alabama, è in corso un nuovo tentativo di creare un sindacato in Amazon. Questa volta è a Staten Island, uno dei cinque distretti di New York, che i lavoratori si stanno organizzando. Accusano il colosso americano di aver bloccato il processo.

Lo scorso aprile, al termine di lunghi mesi di campagna sotto pressione, il no alla sindacalizzazione aveva ampiamente vinto in un magazzino Amazon a Bessemer. Nonostante la mobilitazione di attivisti e esponenti politici ai vertici dello Stato, avevano votato poco più di 2.500 dipendenti, sui 5.900 chiamati alle urne.

A differenza della campagna dell’Alabama, guidata da un sindacato nazionale dei lavoratori al dettaglio, questa di Staten Island è organizzata dagli attuali ed ex lavoratori di Amazon. Con l’obiettivo di formare un nuovo sindacato indipendente chiamato Amazon Labour Union. Ed è guidata da Christian Smalls, ex magazziniere diventato volto dei disordini tra i lavoratori dell’azienda lo scorso anno.

Da mesi gli organizzatori della spinta sindacale raccolgono firme da presentare all’agenzia per il lavoro per chiedere un voto, Christian Smalls prevede di presentarne più di 2.00. Il consiglio del lavoro ha stabilito che la richiesta rappresenta almeno il 30% dell’unità di contrattazione proposta.

Nei prossimi giorni Amazon dovrà avvisare i lavoratori presso le strutture della petizione sindacale. L’agenzia terrà un’udienza a metà novembre dove Amazon potrà contestare quali lavori dovrebbero essere inclusi nell’unità di contrattazione e i termini dell’elezione.




In Amazon, il problema è aggravato dalle proprie ambizioni. Con 1,3 milioni di dipendenti mira ad assumere quest’autunno, negli USA, circa 300.000 lavoratori, sia stagionali e permanenti. Inoltre, ha aumentato i salari e ha annunciato che si impegnerà di essere “il miglior datore di lavoro sulla terra”. Il suo modello occupazionale, tuttavia, con un turnover così alto che i dirigenti temono di rimanere senza lavoratori americani disponibili, era sotto pressione anche prima della pandemia.

Eppure la campagna a Staten Island deve affrontare molti ostacoli. Il consiglio del lavoro dovrà determinare se sono state raccolte sufficienti firme valide per dimostrare un interesse sostanziale in un’elezione. E come ha mostrato il voto in Alabama, il sostegno può essere eroso.

Amazon ha risposto al colpo, promuovendo il suo salario minimo e benefici di $15, e i lavoratori hanno ampiamente respinto il sindacato. Alcune delle misure antisindacali di Amazon hanno spinto un funzionario del consiglio del lavoro a raccomandare l’annullamento dei risultati e la ripresa delle elezioni, che Amazon ha detto che avrebbe presentato ricorso.

Il signor Smalls e altri speravano che lo status di insider avrebbe dato loro un vantaggio. Sono stati in grado di creare supporto con i loro colleghi e hanno il diritto di utilizzare spazi e strumenti di comunicazione che solo i dipendenti possono utilizzare. I lavoratori che sostengono la campagna organizzativa hanno indossato magliette e maschere intorno all’edificio con il logo del sindacato, hanno messo la letteratura nella sala pausa e postata sulle bacheche interne.

Comprendere il sistema di occupazione di Amazon

Il tasso di abbandono dei dipendenti è alto. L’azienda ha registrato un forte aumento delle assunzioni nel 2020, assumendo 350.000 lavoratori in tre mesi offrendo un salario minimo di 15 dollari l’ora e buoni benefit. Ma anche prima della pandemia, Amazon perdeva circa il 3% dei suoi collaboratori orari ogni settimana, il che significa che le sue entrate erano di circa il 150% all’anno.

I sistemi difettosi hanno causato errori terribili. Il sistema di disabilità e congedo di Amazon è stato fonte di frustrazione e panico. I lavoratori che hanno richiesto il congedo sono stati sanzionati per assenza dal lavoro, innescando avvisi di abbandono e poi licenziamenti.

La sorveglianza rigorosa ha creato una cultura della paura. L’azienda segue ogni movimento dei lavoratori all’interno dei propri magazzini. I dipendenti che lavorano troppo lentamente o sono inattivi per troppo tempo possono essere licenziati. Il sistema è stato progettato per identificare gli ostacoli per i lavoratori. Sebbene tali licenziamenti siano rari, alcuni dirigenti temono che le misure creeranno un ambiente ansioso e negativo.

La disuguaglianza razziale una preoccupazione crescente. Il gigante della vendita al dettaglio è in gran parte alimentato da dipendenti di colore. Secondo i file interni del 2019, oltre il 60% degli associati JFK8 sono neri o latini. I registri mostrano che i dipendenti neri del magazzino avevano quasi il 50% in più di probabilità di essere licenziati rispetto ai loro coetanei bianchi.

Da metà maggio, i lavoratori del JFK8 hanno presentato nove denunce al consiglio del lavoro. Accusano Amazon di interferire illegalmente con i loro diritti organizzativi, confiscando opuscoli pro-sindacali che avevano lasciato nella sala pausa a guardare dove si erano radunati su un marciapiede. Secondo l’agenzia, gli avvocati del personale della commissione del lavoro hanno trovato qualche fondamento nelle accuse di interferenza illecita in tre casi e stanno ancora indagando sugli altri.

 

Felicia Bruscino

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *