Amo fare il Pane

0

Di Giovanna Mulas


Adoro cucinare per la famiglia e gli amici più cari.
In particolare amo fare il pane, e non m’importa il tempo necessario all’operazione: pochi ingredienti, economici e sani, il lavorare la pasta come ti chiede, con forza e dolcezza, a lungo, benedirla con olio e sale (e quando li ho a disposizione patata o cipolla a tocchetti), invadere la casa di aromi antichi.




Durante i viaggi amo provare il cibo di ogni Nazione; per me è sempre una scoperta, anche quando non lo è, è la vera identità di un popolo. Ho provato cibo di ogni tipo e latitudine: ricco e meno ricco, elaboratissimo. Eppure resto del parere che il cibo più semplice sia sempre il migliore, grande metafora di vita amici miei. Mi piacciono i volti di mio marito e dei nostri ragazzi, accesi dall’aspettativa, e mi piace mangiare il pane appena sfornato, farlo prima con gli occhi, e a volte rammento mia nonna e il suo antico raccomandarci “pane caldo fa venire mal di pancia!”. E sorrido a quel ricordo, mi rivedo in lei. Impastare è come fare l’amore, o come scrivere: fondamentali passione, volontà e tempo, il corpo si fa sacro e destinato, da sempre, all’eletto; è un tempio dedicato al tuo Dio. Un ingrediente miscelato male e l’esito sarà tristo, deludente: tu non sarai più tu, il tempio cadrà in rovina, il tuo pane non sarà più lo stesso. Impastare, come fare l’amore e come scrivere, richiede Verità, o almeno la ricerca di questa. E non è mai semplice, spesso in divenire.
E’ autocoscienza, cultura della vita, lontano da castrazioni e ipocondrie morali. L’Arte, parafrasando Wilde, è un sacramento da ricevere in ginocchio; ‘Domine, non sum dignus’ dovrebbe volare sulle labbra e nel cuore di coloro che lo ricevono. Non si è degni di essere artista, se pure artista E’. Non si è degni dell’ostinazione e di avvisare, infischiandosene, il fluire della vita, del suo mutare. Non si è degni di romanticismo, di divenire non pensando al domani…non si è degni di una natura poetica che ama gli ignoranti, quelli tra i quali può albergare il genio. Perché l’istruzione riempie la testa di concetti incomprensibili alle teste d’uovo riempite. Ne scrissi in un passo di ‘Dannati’: œufs à la coque, aspirante intellighenzia pronta a mangiarsi il vomito (pensiero) altrui, per risputarlo tale e quale al gregge… .
Sentire Dentro l’odore del pane, fuggire gli abusi della ragione.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi