Ancora bufale! Ieri non è stato firmato nessun MES

0

No, non è stato firmato nessun MES, si tratta di concessioni sulle spese sanitarie e possibili stimoli futuri all’economia per altri 500 miliardi, su richiesta di Francia, Italia e Spagna.


Dato che questi due ieri son partiti all’attacco come avvoltoi disinformando, facciamo chiarezza.

Ieri c’è stato un accordo per mille miliardi di euro. Mille. Non due. Cinquecento ora e cinquecento dopo.
All’interno dell’accordo, per le spese sanitarie c’è il MES che grazie alla trattativa diventa senza condizioni (SOLO per chi vorrà usufruirne, così gli stati che lo bramano saranno contenti). Ma OLTRE a questo c’è lo strumento della Banca Europea per gli Investimenti, che conta 200 miliardi e 100 miliardi per la cassa integrazione europea. Poi c’è quello che volevamo noi italiani e che fino a l’altro giorno era impensabile: l’intesa per un fondo della Ripresa finanziato a debito comune (sono di fatto gli eurobond). E si parla di 500 miliardi.

Quindi ieri NON è stato firmato nessun MES. È una barzelletta dirlo. Perché il MES può “firmarlo” solo il Parlamento. E questa è la solita propaganda di chi non aspettava altro che uno spiraglio per avvelenare il clima. E di farlo con le solite fake news.

Se volete invece sapere quale governo ha realmente firmato il MES nel 2011 basta fare una cosa semplicissima.

Guardare la persona a sinistra in questa foto.

 

Leonardo Cecchi


Sostieni Ultima Voce. Di stampo apartitico, si schiera dalla parte dei diritti, di chi lotta per essere riconosciuto, dalla parte dell’essere umano e dell’essere umani. Aiutaci a fare tutto questo! La donazione ti darà la possibilità di entrare a far parte del nostro forum. Scrivici per sapere come.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi