Figure femminili emergono dall’ombra del Muro di Berlino

Dalla caduta del muro di Berlino nel 1989, gli artisti della Germania dell’Est hanno faticato a trovare un posto nella storia dell’arte della Germania unita. Per le artiste della Germania dell’Est, specialmente per coloro che hanno scelto un mezzo diverso dalla pittura, la lotta per il riconoscimento si è rivelata ancora più dura. Proprio come lo era durante gli anni della Guerra Fredda.

La curatrice Susanne Altmann si è impegnata per ristabilire l’equilibrio. The Medea Insurrection, la mostra inaugurata lo scorso fine settimana – alla Kunsthalle im Lipsiusbau di Dresda –  esmina le donne radicali che hanno lavorato dietro la Cortina di ferro. Circa la metà degli artisti, della mostra, viveva nella Repubblica Democratica Tedesca (RDT) prima della caduta del muro; l’altra metà proviene da altri paesi dell’Europa orientale. Tra cui Romania, Polonia e Cecoslovacchia.

Gli apparatchik della cultura della Germania dell’Est hanno mostrato una preferenza per i pittori figurativi di sesso maschile nella scelta di ciò che è entrato nelle collezioni del museo. Queste preferenze caratterizzano ancora le numerose mostre di arte della Germania dell’Est che hanno avuto luogo dal 1989.

The Medea insurrection

Prima del 1989, scrittori e pittori nella Germania dell’Est si rivolgevano spesso a codici di mitologia antica quando volevano esprimere il loro scontento con il dominio comunista. E in effetti, tutte le donne che sono state presentate qui sono arrivate alla maturità dal lato socialista della cortina di ferro.

Eppure le loro interpretazioni di figure femminili – anche se basate su Medea, Cassandra o Pentesilea – non erano esattamente forme nobili di crittografia. Al contrario, molte delle loro opere erano cruciali nel plasmare le immagini contemporanee delle donne e talvolta erano punk dritti. Sotto il radar dei media artistici accettati, queste artiste hanno provocato, protestato, giocato con il fuoco e sperimentato.

Con questo doppio rifiuto si esponevano spesso a un rischio maggiore rispetto ai loro colleghi maschi. Questo grado composto di sfida ed energia nel loro linguaggio pittorico si fa sentire ancora oggi. Nelle creazioni del gruppo di performance e moda di Berlino Allerleihrauh, raramente esposti fino ad ora, una rivolta sfrenata e performativa. La dissidenza visiva ha anche modellato le opere degli artisti visivi.




Ad esempio, a Dresda artisti come Angela Hampel, Christine Schlegel, Cornelia Schleime e Karla Woisnitza hanno infuso figure femminili antiche e ribelli con attributi del punk e del loro presente. In Turingia, il gruppo di donne artiste di Erfurt ha realizzato film sperimentali sull’identità femminile. A Berlino Est, fotografi come Gundula Schulze Eldowy e Tina Bara hanno fotografato il crollo di uno stato

Come si può onorare la singolarità di queste risposte artistiche a vincoli autoritari? 

Fino ad ora, l’accento è stato posto sul confronto con il canone dell’arte post-1945 occidentale o su semplici riferimenti all’interno del contesto storico piuttosto ristretto della Germania dell’Est. Ora è giunto il momento di considerare quest’arte all’interno della situazione simile all'”ex oriente”. The Medea insurrection  esamina quei territori con una struttura socialista in cui le condizioni per la libertà artistica (o meglio la sua assenza) assomigliavano a quelle della Germania dell’Est.

Prontezza al rischio, talento per l’improvvisazione, autoironia, reinterpretazione categorica di materiali e motivi classici: questi non sono certo gli unici punti di collegamento tra creativi. Come nel caso dell’artista tessile Magdalena Abakanowicz (Polonia) e Christa Jeitner (Germania), o tra i due artisti performativi Katalin Ladik (Ungheria) e Gabriele Stötzer (Germania).

Artisti-femminili-emergono dalla-ombra-del-Muro-di-Berlino-
Damn Dumb Dame, Annemirl Bauer, 1980.

Le contadine polacche fotografate da Zofia Rydet (Polonia) nel corso di diversi decenni sono qui riunite dalle lavoratrici ritratte da Evelyn Richter nelle fabbriche della Germania dell’Est. La serie iconica di Gundula Schulze Eldowy Tamerlan, sulla dignità e bellezza dell’età, si collega anche al ritratto di donne anziane di Rydet presentato qui per la prima volta.

Per la defunta Geta Bratescu (Romania), la figura di Medea è stata la molla per il suo lungo impegno con il tema dell’energia femminile, che ora è una buona compagnia per i disegni ribelli di Karla Woisnitza (Germania) sullo stesso argomento. E quando incontriamo le rappresentazioni di Zorka Saglova (Repubblica Ceca) dai tempi bui dopo la Primavera di Praga, istintivamente tracciamo paralleli agli anni ’80.

Quando Else Gabriel (Germania) e Hanne Wandtke (Germania) realizzarono esperimenti rischiosi come parte della Dresda gruppo Autoperforationsartisten. che

ora è una buona compagnia per i disegni ribelli di Karla Woisnitza (Germania) sullo stesso argomento.

Da una mancanza di libertà emerge una certa libertà

La mostra mette in scena un coro polifonico e intramontabile di affinità artistiche e intellettuali e mezzi radicali di autorealizzazione in climi inospitali. Medea respinge l’oblio della recente storia dell’arte e l’emarginazione delle prospettive femminili. Lontano da gesti di vittimismo e scenari di risentimento, la mostra celebra la forza, la sicurezza di sé, la capacità di recupero e, soprattutto, la qualità artistica.

Oltre alla pittura e alla fotografia, ospiterà performance, tessuti e moda, tra cui i disegni del gruppo di artisti radicali di Berlino Est degli anni ’80 Allerleirauh (in prestito dal Museo Storico Tedesco). “Molto di questo è ancora scritto come” sottocultura “, che non è una categoria storico-artistica”, afferma Altmann. “Anche all’interno della sottocultura, gli uomini erano dominanti”, dice.

Aggiunge che le artiste femminili erano spesso più radicali, forse perché lavoravano finora sotto il radar ufficiale che potevano correre rischi maggiori. “Da una mancanza di libertà emerge una certa libertà”, afferma. I tempi stanno cambiando e lo spettacolo include opere di artisti come Geta Bratescu e Natalia LL, che hanno recentemente ottenuto consensi internazionali.

Artisti-femminili-emergono dalla-ombra-del-Muro-di-Berlino-
Erika Stürmer-Alex, Herakles I (1988)

Non tutti gli artisti sono sfuggiti al braccio lungo dello stato: tra quelli dell’esposizione, Gabriele Stötzer è stato imprigionato come dissidente e ha dovuto affrontare anni di sorveglianza da parte della Stasi, mentre a Cornelia Schleime è stato vietato di esibirsi nella Germania dell’Est e fuggito in Occidente 1981.

Anche Jeitner è stata bandita dall’esporre alla fine degli anni ’70. Per lei, lo spettacolo di Dresda è di immensa importanza. La maggior parte dell’arte che mette in mostra, dice, “poteva essere esposta solo localmente o in spettacoli collettivi, sia pubblicamente, non ufficialmente, illecitamente o solo privatamente in studio” prima della caduta del muro. “Questa mostra è la prima occasione per conoscere l’arte non ufficiale degli altri”.

Christa Jeitner, rappresentata dal suo lavoro Dreiflüglige Säule (1978, colonna a tre ali), realizza molti dei suoi pezzi con materiali come corda e tessuti. Riferisce che le sue creazioni non sono mai state considerate “belle arti” nella Germania dell’Est. Nonostante la sua concentrata attenzione a temi politici, spesso accuratamente mascherati, “era considerato artigianale o arte applicata”. “Qualunque cosa abbia mostrato nella DDR è passata sotto quest’etichetta”.

La mostra è promossa dal Fondo tedesco-ceco per il futuro e dalla Fondazione Women in Europe. Un catalogo che include un saggio di Altmann accompagna lo spettacolo.

  • The  Medea Insurrection, Kunsthalle im Lipsiusbau, Dresda, 8 dicembre-31 marzo 2019.

 

Felicia Bruscino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *