Attacco fascista sotto la sede della Repubblica

Gruppo di militanti fascisti attacca il giornale Repubblica.

Spedizione fascista sotto la sede di Repubblica. Forza Nuova: “è solo il primo attacco”.

0

Un gruppo di militanti mascherati ha acceso fumogeni sotto la sede del giornale Repubblica. Gli stessi esibivano una bandiera di Forza Nuova ed un cartello con la scritta: “Boicotta Repubblica e L’Espresso“. Lo stesso leader, Roberto Fiore, conferma che si tratta solo di un primo attacco fascista.




Il Cdr di Repubblica risponde a questa spedizione diffondendo un comunicato, con l’obiettivo di sottolineare quanto lo stesso giornale denuncia da tempo:

Il dilagare di intolleranza, odio, xenofobia e fascismo che Repubblica sta puntualmente documentando con grande attenzione da settimane ha raggiunto una soglia di grande preoccupazione”.

Su facebook Forza Nuova:

ci siamo presentati così perché oggi rappresentiamo ogni italiano tradito da chi con la penna favorisce Ius soli, invasione e sostituzione etnica”. Oggi è stato solo il primo attacco contro chi diffonde il verbo immigrazionista, serve gli interessi di Ong, coop e mafie varie. Da oggi inizia il boicottaggio sistematico e militante contro chi diffonde la sostituzione etnica e l’invasione. Questi infami sappiano che non gli daremo tregua, li contesteremo ovunque. Boicotta De Benedetti, il Gruppo L’Espresso, La Repubblica, combatti il sistema”.

L’Ordine dei Giornalisti e la Federazione Nazionale della Stampa rispondono all’attacco:

“L’aggressione di Forza Nuova contro le redazioni dell’Espresso e di Repubblica rappresenta un nuovo intollerabile atto di squadrismo contro la democrazia e la libertà di informazione. Anche questa nuova ‘testata’ contro l’articolo 21 della Costituzione troverà la risposta che merita attraverso l’illuminazione delle loro attività e delle continue violazioni della legalità costituzionale. Non a caso, già questa mattina avevamo rappresentato al ministro Minniti la necessità di monitorare e prevenire le ripetute azioni di minacce contro i giornalisti che hanno scelto di indagare sulle formazioni neonaziste e neofasciste. A questo punto la risposta dello Stato diventa ancora più urgente e necessaria”.




La risposta della politica

Scatta la solidarietà a Repubblica da parte della politica, tutti pronti a difendere la democrazia e tutto ciò che ad essa è connesso. In verità, l’unico momento in cui in Italia, è esistita la democrazia, quella vera, risale a quando l’Assemblea Costituente ha votato la Costituzione, entrata in vigore nel 1948.

L’unica cosa da considerare oggi è che se un tempo si è arrivati al fascismo, sbagliati o giusti che furono e che oggi possano essere gli ideali di fondo, ci si è arrivati perché il popolo italiano era scontento di chi governava, così era allora così è oggi.

Piuttosto che difendere un’idea, bisognerebbe concentrarsi su come far in modo che qualcuno non “plagi” le menti di un popolo deluso da un governo egoista, che non ha votato. L’obiettivo dovrebbe essere combattere per far in modo che gli italiani non sentano l’esigenza di dire “quando tutto era nelle mani di uno si stava meglio”, sarebbe un’illusione. L’illusione di un’Italia unita, da chi fonderebbe il proprio potere sulla paura. La storia dovrebbe insegnarci a non commettere gli stessi errori più di una volta. Parlare di attacco fascista è una grande offesa nei confronti di chi è morto combattendo per un’Italia migliore. È uno scempio verso chi ha combattuto per arrivare ad affermare che “l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione(…)”




La sovranità appartiene al popolo e sarebbe bene ricordarlo. Sono gli italiani che hanno il grande potere di sovvertire le cose. Bisognerebbe rammentare questo a tutti coloro che lo hanno dimenticato, così che si possa intraprendere la giusta direzione verso un governo migliore.

Jessica Di Vita 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi