Attacco nucleare in una Washington virtuale

Una simulazione al computer mostra i possibili scenari di un allarme atomico

0

Come reagirebbero gli alti funzionari se una bomba nucleare esplodesse a Washington? Anche se un tale evento è improbabile, le autorità devono sempre restare preparate per l’impensabile. Specialmente oggi con la crescente minaccia di conflitto tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti e, soprattutto, dopo i recenti eventi in Siria.

Un apocalittico videogame

Dagli anni ’50, i gestori delle emergenze hanno utilizzato qualcosa noto come National Planning Scenario 1 (NPS1) per aiutare a capire quali dovrebbero essere le loro risposte. Questi scenari assomigliavano a giochi di ruolo da tavolo in cui i funzionari predicevano le azioni dei cittadini usando le statistiche. Quindi, con l’avvento dei computer, queste simulazioni sono diventate più complesse.

Ora gli informatici del Biocomplexity Institute della Virginia Tech, sotto la direzione della U.S. Defense Threat Reduction Agency, hanno creato una nuova versione avanzata dell’NPS1 che simula un attacco nucleare alla capitale degli Stati Uniti, come riferisce la rivista Science anche nel seguente video:









L’ultimo modello ricrea la città digitalmente con edifici, strade, elettrodotti, torri cellulari degli ospedali e, soprattutto, una popolazione virtuale di circa 730.000 cittadini. In questo contesto, i ricercatori sono in grado di simulare una bomba da 10 chilotoni che esplode appena a nord della Casa Bianca.

Con tale modello, i ricercatori possono stimare il danno alle infrastrutture dall’esplosione iniziale della bomba e il probabile numero di vittime. Inoltre, sono inclusi anche i dati meteorologici, che consentono loro di comprendere in che modo il fallout radioattivo si diffonderà in tutta la città.

Le proiezioni mostrano che la devastazione sarebbe catastrofica: centinaia di migliaia di persone uccise, linee elettriche e sistemi di comunicazione interrotti, edifici e strade piene di lastre di calcestruzzo frastagliato, nuvole di fallout radioattivo.

Agenti virtuali, comportamenti reali

Ma ciò che veramente risalta nel nuovo modello è la complessità dei suoi cittadini virtuali, noti come agenti, che sono autonomi e possono reagire alle situazioni individualmente.

Gli agenti sono statisticamente identici alla popolazione reale nella zona interessata in termini di sesso, età e occupazione. Sono programmati per svolgere le loro attività quotidiane. Ma quando la bomba colpisce rispondono spontaneamente in modo umano al disastro che si sta svolgendo.

Ad esempio, coloro che non vengono uccisi immediatamente possono decidere di fuggire dalla vicinanza dell’esplosione in preda al panico o di saltare in una macchina per cercare disperatamente i propri cari scomparsi. Altri potrebbero rimanere paralizzati dalla paura e non spostarsi affatto, invece di cercare un rifugio.

Julie Dugdale, ricercatrice di intelligenza artificiale all’Università di Grenoble in Francia che studia il comportamento umano sotto stress, afferma:

“Gli studi sul campo indicano sfumature cruciali. Nei terremoti scopriamo che la gente avrà più paura di non avere con sé famiglia o amici che della crisi stessa. Le persone andranno per prima cosa in cerca dei loro cari e si metteranno volontariamente in pericolo nel processo. Allo stesso modo negli incendi. Gli ingegneri danno per scontato che quando suona l’allarme, le persone si disporranno immediatamente a file verso le uscite in modo ordinato. Ma guardate la prossima volta che il vostro edificio farà una esercitazione antincendio. La gente non evacua senza prima parlare con gli altri e, se necessario, cercherà amici e parenti.”

Il controllo del panico

Altre simulazioni suggeriscono anche che il panico cieco e irragionevole è raro. In un modello basato su agenti pubblicato nel 2011, il sociologo Ben Aguirre e i suoi colleghi dell’Università del Delaware di Newark hanno cercato di riprodurre ciò che è accaduto in un incendio nel night club di Rhode Island del 2003. Morirono 100 persone nella calca. Tra la polizia, il giornale locale e i resoconti dei sopravvissuti, la squadra di Aguirre disponeva di buoni dati sulle vittime, sul loro comportamento e sulle loro relazioni con gli altri. E quando i ricercatori hanno incorporato queste relazioni nella modello informatico, le simulazioni più coerenti con il fuoco reale non hanno quasi mai coinvolto il panico. Dice Aguirre:

“Abbiamo scoperto che le persone stavano cercando di uscire con amici, colleghi di lavoro e persone care. Non stavano cercando di ferirsi a vicenda, è stata una coincidenza.”




Simulazioni e comunicazioni

Il modello consente ai funzionari di emergenze di simulare tutte queste dinamiche nell’intera popolazione, consentendo loro di creare efficaci strategie di aiuto.

Chris Barrett, direttore esecutivo del Biocomplexity Institute, ha dichiarato in un comunicato:

“Grazie in gran parte alle informazioni generate da dispositivi come gli smartphone, ora abbiamo una comprensione molto più dettagliata di come la popolazione di una città si comporta giorno per giorno. Quando e dove la gente guida, lavora in ufficio, fa shopping, mangia, prende i bambini da scuola, e così via. Usando queste informazioni, possiamo creare simulazioni molto dettagliate di dove le persone si trovano in relazione a un particolare evento distruttivo, come un dispositivo nucleare improvvisato; a quali risorse avrebbero accesso; ed esaminare come le loro possibilità di sopravvivenza possano essere aumentate dalla varietà di possibili risposte.”

L’inclusione di torri cellulari e reti elettriche nella simulazione riflette il ruolo che le comunicazioni mobili svolgono nel modo in cui le persone rispondono ai disastri oggi. Ad esempio, il modello mostra che se i rispondenti agiscono rapidamente per ripristinare le comunicazioni interrotte, le persone possono verificare se i loro cari sono al sicuro, il che significa che sono più propensi a rimanere dove sono.

La complessità della simulazione ha tuttavia uno svantaggio. Ogni simulazione ha impiegato un giorno e mezzo per completare l’utilizzo del cluster di computer a 500 microprocessori. Tuttavia, promette di essere uno strumento utile per pianificare emergenze come questa.

Roberto Bovolenta

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi