Attacco terroristico a Kabul. Almeno 15 tra morti e feriti

Colpito nuovamente l'Hotel Intercontinental, frequentato anche da stranieri.

Di nuovo un attacco terroristico all’Hotel Intercontinental di Kabul. Un kamikaze si sarebbe fatto esplodere nella hall dell’hotel e avrebbe permesso ad altri 4 terroristi di entrare e sparare sugli ospiti.

Fonte: La Città
0

Colpito da un attacco terroristico a Kabul l’Hotel Intercontinental. Secondo quanto riportato dalle fonti locali il numero provvisorio è di 15 tra morti e feriti.




 

Un matrimonio e giovani informatici

Nell’hotel si stavano celebrando i festeggiamenti di un matrimonio e si stava tenendo un workshop informatico. Il workshop aveva riunito giovani informatici provenienti da 34 province dell’Afghanistan. Secondo le ricostruzioni di un testimone oculare fuggito dall’albergo, un kamikaze si sarebbe fatto esplodere nella hall. Questo avrebbe permesso ad almeno altri 4 uomini armati di introdursi nell’hotel e aprire il fuoco. Vittime e ostaggi sono nelle mani degli attentatori. Qualcuno è riuscito a rifugiarsi nella propria stanza e a chiamare i soccorsi. Sono attimi di concitazione e paura quelli che si stanno vivendo all’Hotel Intercontinental, per questo nuovo attacco terroristico a Kabul.

Non so se gli attentatori sono dentro l’hotel ma sento i colpi di arma da fuoco provenire da qualche parte al primo piano.

Questo è quello che uno degli ospiti ha detto all’agenzia AFP. Sempre secondo quanto riferito dalle fonti locali, la cucina e il quarto piano sarebbero in fiamme. Persone che risiedono nei pressi dell’hotel riferiscono di aver udito altre due esplosioni mentre l’assedio è ancora in corso.




Un agente delle forze di sicurezza intervenuto sul posto riferisce che i terroristi sono armati anche con Rpg (lancia razzi portatili anti carri armati, “rocket propelled grande”). Il portavoce del ministero dell’Interno, Nasrat Rahimi riferisce che

Al momento sono al terzo e al quarto piano e stanno combattendo con le nostre forze. Non abbiamo ancora dettagli sulle vittime ma hanno anche messo a fuoco le cucine.

Sempre secondo quanto riferito a Tolo News, uno dei quattro terroristi sarebbe morto. Molti degli ospiti sarebbero stati tratti in salvo, ma un numero imprecisato di persone rimane ancora nelle mani dei tre terroristi. L’attacco terroristico a Kabul sarebbe iniziato alle 21,20 locali (le 17,50 in Italia) proprio con il primo kamikaze che si è fatto esplodere.




 

L’allarme dell’ambasciata statunitense

Nei giorni scorsi l’ambasciata statunitense a Kabul aveva messo in guardia i propri concittadini. Nel comunicato si legge proprio che le forze di intelligence erano a conoscenza dell’intento di gruppi terroristici di voler attaccare gli hotel della capitale afghana. Il comunicato recita:

Siamo consapevoli del fatto che gruppi estremisti stiano progettando un attacco contro gli hotel a Kabul, come ad esempio l’Hotel Baron vicino l’aeroporto internazionale Hamid Karzai. Questi gruppi potrebbero anche prendere di mira eventi pubblici, strutture governative, trasporti, mercati, e posti dove gli stranieri sono soliti ritrovarsi.

 

Il cambio delle guardie appena un mese fa

Soltanto un mese fa c’era stato un cambio tra le guardie di sicurezza dell’hotel. La vecchia compagnia che si occupava della security è stata rimpiazzata dalla Kabul-Balkh, azienda privata che ha vinto il contratto con l’Hotel Intercontinental.

Al momento l’attacco non è stato rivendicato da nessun gruppo terroristico, è presto dunque per puntare il dito contro i Daesh dell’ISIS. Non è però la prima volta che l’hotel viene attaccato. Nel 2011 ci fu infatti un altro attentato terroristico a Kabul, sempre all’Hotel Intercontinental. Nell’attentato morirono 20 persone, inclusi nove assalitori.

 

Lorena Bellano

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi