Baciarsi in pubblico: da Catullo al Covid 19

Baciarsi in pubblico è simbolo dell’amore passionale. Ma è sempre stato così? Ripercorriamo la storia e la concezione del bacio, dai versi di Catullo alle restrizioni imposte dal Covid-19.

A Torino, a inizio quarantena, una coppia di giovani amanti è stata denunciata dal vicino di casa alle 2:30 del mattino. Motivo? I fidanzati si baciavano in strada senza rispettare la distanza imposta dal Dpcm dell’8 Marzo e il loro dirimpettaio non ci ha pensato due volte a chiamare le forze dell’ordine, intervenute rapidamente a placare i gesti di effusione. A inizio pandemia, si trattava di “inosservanza di un provvedimento dell’autorità” – articolo 650 del codice penale -punibile con l’arresto fino a tre mesi. Successivamente il governo ha previsto per l’art. 650 cp solamente in ammende pecuniarie. Facciamo un parallelismo con il mondo degli Antichi Romani e ci riferiamo al poeta latino Catullo, che scrisse un piccolo componimento sul trionfo dell’amore con l’amata Lesbia:




Viviamo, mia Lesbia, e amiamo

e le chiacchiere dei vecchi troppo severi

consideriamole tutte soltanto moneta senza valore

I giorni possono tramontare e risorgere:

noi, una volta tramontata la nostra breve vita,

siamo costretti a dormire una notte eterna.

Dammi mille baci, e poi cento,

Poi altri mille, poi ancora cento,

poi mille di seguito, e poi cento.

Poi, quando ne avremmo raggiunto molte

migliaia, le rimescoleremo, per non sapere

quanti sono, o perché nessun maligno possa

gettarci il malocchio, sapendo quanti sono i baci.

G. V. Catullo, Carme V

Le manifestazioni pubbliche di affetto nell’Antica Roma

Busto di G.V. Catullo
Busto del poeta Gaio Valerio Catullo

Come per il poeta latino Catullo, anche i due giovani torinesi hanno deciso di baciarsi considerando le “chiacchiere dei vecchi” di alcun valore. Riguardo alle effusioni in luogo pubblico vi sono regole differenti, a seconda delle società di riferimento. Nella società romana, lo “Ius osculi” e cioè il diritto al bacio non era per nulla affettuoso e non era collegato a gesti d’affetto romantici. Questo gesto veniva effettuato dai mariti delle matrone, le signore dell’alta società, per capire se avevano bevuto vino e di conseguenza adulterio, poiché per i latini le donne che bevevano, perdevano il controllo e potevano tradire il marito. Invece i “basia” catulliani, i baci degli innamorati, sono diversi dallo “ius osculi”. Gli innamorati, come Lesbia e Catullo, si baciano ovunque, continuamente per manifestare il loro effetto “fregandosene” di ciò che li circonda.

Le manifestazioni pubbliche di affetto oggi

Oggi non è reato baciarsi in pubblico. Uomini, donne, transgender e berdache (uomini che scelgono di vestirsi da donne) possono baciarsi e manifestare il proprio amore in piena libertà, ovunque . Durante un emergenza sanitaria epidemiologica, come quella senza precedenti del Covid-19, baciarsi pubblicamente era sanzionabile con l’arresto fino a tre mesi di reclusione. Passanti e vicini di casa potevano segnalare alle pubbliche autorità una coppia che si baciava pubblicamente: ma è corretto tutto ciò? Avremmo potuto segnalare coppie che vivono stabilmente insieme, che quotidianamente si baciano per scambiarsi gesti di affetto.

Luca Patrucco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *