Basta un simbolo per bloccare il tuo iPhone

Trucco e parrucco del carattere che ha mandato iOS in crash

0

Non sembra esserci pace in casa Apple dopo il malcontento per le batterie difettose degli iPhone. Ora un nuovo nemico minaccia i melafonino e non solo, e così si è ancora una volta costretti a correre ai ripari.

È un carattere della lingua indiana, nello specifico del linguaggio telugu, il più parlato dopo l’Indi, quello capace di mandare in tilt tutti i dispositivi Apple, tramite un semplice sms o notifica.

Iphone

Basta infatti ricevere un messaggio sul proprio Iphone contenente il simbolo in questione per causare il blocco dell’applicazione o addirittura,  il loop del telefono.

Il bug, scoperto dal sito italiano Mobile World ha avuto subito un forte riscontro sui social, dove in tanti hanno raccontato di esserne stati colpiti. Nell’articolo, il blogger Giovanni Tripodi afferma:

 

L’errore di cui parliamo contiene un carattere indiano che, se ricevuto o copiato in un testo può letteralmente bloccare l’applicazione o mandare in tilt l’intero sistema operativo.

Come funziona

Difficoltà bassa ed ingredienti  economici, la ricetta per far impazzire i dispositivi IOs è spaventosamente alla portata di tutti. Basta copiare e inviare il carattere incriminato attraverso una qualsiasi app di messaggistica come: Messenger, Telegram, Whatssapp o  Twitter per far esplodere il bug. Che si parli di Iphone, Mac , Apple Watch o iPad non importa.

L’errore, efficace nei dispositivi aggiornati alla versione 11.2.5 comporta, una volta ricevuto il testo contenente il simbolo, il blocco dell’applicazione che si chiude improvvisamente e diventa inacessibile. Qualora invece il simbolo venisse visualizzato da una notifica è l’intera springboard (che gestisce l’interfaccia) ad andare in crash. A quel punto l’iPhone continua a riavviarsi e va in BootLoop. Come spiega Wired si tratta di una tipologia di bug che appare ciclicamente. Quest’ultimo, nel dettaglio, è dovuto a un difetto di progettazione interno a iOS e macOS.

 




Apple, in una nota pubblica rilasciata sul portale Imore dichiara di essere già al lavoro per la realizzazione di un fix da inserire nella versione 11.3.

Nel frattempo però l’idea di giocare un colpo mancino è balzata in testa a tanti che hanno cominciato, anche solo per scherzo ad infettare i Device dei colleghi più permalosi.

Come proteggersi

Nell’attesa che la grande mela risolva il problema, si possono seguire due strade: Installare l’ultima beta di iOS 11.3 con la consapevolezza che si tratta di una versione potenzialmente instabile oppure eliminare l’anteprima delle proprie notifiche. Quest’ultima è senza dubbio la scelta più rapida, basta recarsi in Impostazioni -> Notifiche -> Mostra anteprime -> Mai.

Risolvere il problema ai postumi

Nel caso in cui qualche simpaticone abbia già deciso di giocarvi questo bello scherzetto, il problema non è per fortuna irrisolvibile. Se il freeze riguarda Whatsapp, Telegram, Facebook Messenger, ecc… potreste chiedere a chi vi ha inviato il simbolo di eliminarlo, ad un’amico di inviarvi un nuovo messaggio oppure accedere da un pc per eliminare completamente la chat. Alcuni hanno addirittura ideato alcune soluzioni creative come farsi mandare diversi messaggi così da far scorrere quella contenente il carattere.

Iphone
Photo by wikihow.it

Nei casi più gravi, di crash dell’Iphone o di Loop invece, le conclusioni secondo iPhone Italia sono due. Per il bootloop la soluzione potrebbe essere accedere ad iCloud da pc e attivare la modalità smarrito in “Trova il mio iPhone”. Così si riceve una chiamata capace di sbloccare il device. E a questo punto basta cancellare la notifica e disabilitare le anteprime.

 

Se invece il dispositivo è bloccato sul simbolo della mela e sembra irrimediabilmente perduto, si può provare con il ripristino da iTunes in modalità di recupero o un reset da modalità DFU(Device Firmware Update).

Monica Bertoldo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi