Blackout a Gardaland: famiglie rimaste bloccate sulle giostre

Inaugurata la stagione del parco di divertimenti di Gardaland. Un blackout improvviso ha bloccato le famiglie sulle giostre.

Blackout di circa un’ora sulle giostre di Gardaland. Il parco giochi più famoso d’Italia, oggi ha inaugurato la stagione con la mancanza di energia elettrica. Il guasto è durato per circa un’ora ed alcune famiglie sono rimaste bloccate sulle giostre.

La situazione sta rientrando in quanto i soccorsi effettuati dai tecnici del parco, hanno messo in salvo genitori e bambini senza grandi difficoltà.

Attimi di paura per alcune famiglie che si sono ritrovate a decine di metri di altezza dal suolo. La sorte peggiore è toccata ad una famiglia israeliana. La famiglia composta dai genitori e i due figli è rimasta bloccata sulla giostra “Sequoia” a circa 30 metri di altezza.

La famiglia è stata recuperata senza alcuna difficoltà dal pronto intervento del parco. Grazie ad una scala d’emergenza, i quattro sono stati riportati a terra. Non riportano alcuna ferita.

Stessa sorte per le altre persone rimaste sulle giostre. Nessuna cura sanitaria dovuta al blackout, e nessuna presenza nell’ambulatorio medico di Gardaland, fa sapere la società del parco.

Oggi un anomalo straordinario sbalzo di energia da parte di ENEL ha causato guasti a uno dei trasformatori del Parco. Ciò ha comportato un immediato blackout dovuto alla mancanza di energia elettrica”. Così l’ad di Gardaland, Aldo Maria Vigevani, in una nota, spiega la causa del problema. “Il Parco – aggiunge – ha quindi subito un improvviso blocco di tutte le attività che hanno coinvolto ogni area, le attrazioni e i punti di ristoro“.

E-distribuzione, società del Gruppo Enel per la gestione della rete elettrica, in una nota, “smentisce di aver avuto alcun disservizio sulle proprie linee che alimentano il Parco Divertimenti di Gardaland. La circostanza è già stata verificata direttamente con gli Uffici Tecnici del Parco Divertimenti stesso“. (Fonte: Ansa)

Laura Maiellaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *