Blindspot Gallery ad Hong Kong

Blindspot Gallery, fondata nel 2010, è una galleria d’arte contemporanea di Hong Kong. La galleria ha iniziato con un focus primario sulla fotografia contemporanea e sull’arte basata sulle immagini, e si è evoluta per includere diversi media nell’arte contemporanea.

Oggi Blindspot rappresenta principalmente artisti di Hong Kong e Cina. Il programma si è evoluto nel corso degli anni, inizialmente solo mostrando la fotografia contemporanea, fino ad includere un programma di diversi media. Con la maggior parte dei loro artisti che ancora incorporano nella loro pratica fotografica e altri media basati sull’immagine.




Lo spazio della galleria di 7.000 piedi quadrati, uno dei più grandi di Hong Kong, si trova a Wong Chuk Hang. Un’area industriale nella parte meridionale dell’isola di Hong Kong. Fondatore e direttore della galleria Blindspot è Mimi Chun che è sempre stato molto attento alla scena artistica locale.

Chun ha fondato Blindspot con una combinazione di passione, curiosità e frustrazione per lo status quo. Oltretutto, ha voluto esplorare la possibilità di colmare il vuoto nel mercato dell’arte locale e di offrire una migliore rappresentazione della fotografia e artisti locali a Hong Kong. Ha osservato da vicino il suo sviluppo nel corso degli anni.

Parlando dei cambiamenti, sostiene che la fotografia aveva una rappresentazione molto limitata a Hong Kong e c’erano poche gallerie che avevano un programma di arte contemporanea costantemente progressivo.  C’erano un certo numero di gallerie che si concentravano su un mercato secondario ad alto prezzo, cinese. Come l’arte occidentale e alcune piccole gallerie che vendono arti decorative “.

Inoltre lamenta il fatto che il mondo dell’arte internazionale tende a ignorare la differenza tra il mondo dell’arte di Hong Kong e il mondo dell’arte cinese. A causa di ragioni sociopolitiche, culturali e storiche, esiste in effetti una distinzione tra gli ecosistemi dell’arte di Hong Kong e della Cina. Per questo motivo, il mercato artistico di Hong Kong ha la particolarità di essere un estraneo nel mondo dell’arte cinese, mentre il resto del mondo lo vede come una rappresentazione di “Arte cinese contemporanea”.




Un riflettore sugli artisti 

Hong Kong è sempre stata considerata un hub internazionale, un luogo in cui culture orientali e occidentali si incontrano in un vibrante melting pot. La sua bassa aliquota fiscale per le imprese e la tassazione zero sull’arte l’hanno trasformata nel terreno fertile perfetto per il mercato internazionale dell’arte.

Bllindspot-Gallery-Hong-Kong
Nadav Kander, Chongqing IV (Sunday Picnic), Chongqing Municipality
2006

La scena artistica è una forza da non sottovalutare ed è solo cresciuta più importante e diversa. Negli ultimi dieci anni gli artisti hanno visto molte più opportunità e risorse per mostre e progetti collaborativi. Sebbene esista una forte cultura underground, Hong Kong è ancora principalmente guidata da attività commerciali. Come fiere d’arte e aste. Marzo è in particolare uno dei periodi dell’anno più focalizzati sull’arte, quando il mondo dell’arte mondiale affluisce in città per Art Basel Hong Kong, la riunione più redditizia del settore.

Chun anticipa ulteriori sviluppi della scena locale portati dall’apertura di istituzioni come M+ Museum e Tai Kwun, attraverso l’acquisizione e la messa in servizio di artisti locali. Inoltre considera l’emergere e lo sviluppo di spazi d’arte e istituzioni indipendenti, come il sito di Para, un aspetto estremamente importante per favorire lo scambio tra mondi artistici locali e internazionali.

Blindspot-Gallery-Hong-Kong
Chen Wei, Future and Modern. 2014

All’inizio del 2018 la Blindspot ha esposto una mostra personale di Leung Chi Wo. Leung è una parte della prima generazione di artisti contemporanei di Hong Kong e ha rappresentato la città durante la sua prima partecipazione alla Biennale di Venezia nel 2001. Tra le altre esposizioni, nel corso di questo 2018:  la mostra personale di Jiang Zhi che ha presentato le nuove opere pittoriche e fotografiche degli artisti . Lai Lon Hin con la sua fotografia sperimentale, scattata su un iPhone.




Blindspot è stata anche presente ad Art Basel Hong Kong, Photofairs Shanghai e ParisPhoto. Dove Chun ha detto: “Non vediamo l’ora di portare più visibilità per i nostri artisti emergenti ad altre fiere internazionali d’arte nei prossimi anni”. Il direttore della galleria è anche impegnato nel ricercare la possibilità di coinvolgere un pubblico più ampio attraverso piattaforme digitali.

 

Felicia Bruscino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *