Canada: esplosa una bomba in un ristorante nei pressi di Toronto

Il bilancio al momento è di 15 persone ferite, di cui tre gravi

0

Tragedia sfiorata in Canada. Due soggetti di cui non si conoscono ancora le generalità, hanno lanciato un ordigno in un esercizio pubblico di Mississauga, nella parte occidentale dell’area metropolitana di Toronto.

Dinamica dell’incidente

Entrati a volto coperto nel ristorante indiano “Bombay Bhel”, i malviventi hanno innescato la bomba e poi si sono dileguati. Le poche cose certe che sono state riscontrate sul loro conto, sono la carnagione chiara e l’età piuttosto giovane. Per il resto sono in corso tutti gli accertamenti del caso da parte della polizia canadese (della municipalità regionale di Peel), la quale ha lanciato un appello ai cittadini per ricevere aiuto circa le operazioni di identificazione. L’unico indizio però è il filmato registrato dalle telecamere di sorveglianza. Insomma non proprio un grande punto di partenza, visto che due erano incappucciati.

Bollettino medico

Al momento sono stati accertati quindici feriti, di cui tre versano in condizioni gravi. Coloro che hanno riportato lievi contusioni sono stati ricoverati in ospedale. Le persone che invece versano in situazioni critiche sono state portate in un centro specializzato di Toronto.

Non solo Canada

Un altro episodio inquietante si è verificato un po’ più a sud del Canada, per l’esattezza ad Oklahoma City, negli Stati Uniti. In questo caso un uomo è entrato in un ristorante aprendo il fuoco per poi essere ucciso da un passante che lo ha affrontato (su quest’ultimo particolare tuttavia non ci sono fonti certe, eccetto i media locali). Due persone sembra siano rimaste ferite nella sparatoria e ricoverate d’urgenza.

Esclusa matrice terroristica

Nessuno dei due atti di violenza è riconducibile al terrorismo. Infatti non sono avvenute rivendicazioni in tal senso e viste le dinamiche sembrano gesti di folli sconsiderati.

Insomma Stati Uniti e Canada non sono proprio i posti più sicuri del mondo negli ultimi anni. Avvenimenti del genere non sono di certa una novità a queste latitudini.

Antonio Pilato

 




Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi