I carabinieri sequestrano Miro, il cane arrestato perchè abbaia troppo: dal canile ora aspetta la sentenza

Due querele si trasformano in due decreti penali di condanna a carico dell’anziana padrona

Miro, il cane arrestato, ora non è più libero e conoscerà la sua sorte dopo Pasqua

cane arrestato
8

E’ accaduto a Roveré della Luna, un comune italiano di 1.623 abitanti della provincia di Trento in Trentino-Alto Adige. Miro, un bellissimo pastore maremmano, è il cane arrestato ormai diventato purtroppo ‘celebre’ per la vicenda che lo riguarda.

Fonte: qzlife.it

L’episodio come si può facilmente intuire, sta facendo molto discutere. Per quanto possa sembrare strano, ci sono due linee di pensiero di chi trova terribile l’allontanamento del cane da casa e da un padrone. E poi c’è chi invece lo ha reputato giusto laddove la quiete pubblica è stata violata. In poco tempo la notizia ha fatto il giro del web. Tuttavia, al di là dei giudizi e delle opinioni, è bene ricordare che si tratta sempre di un animale che ora, senza il suo padrone e i suoi punti di riferimento, starà soffrendo non poco. Al senso di abbandono e alla perdita di libertà, infatti, non ci si abitua, soprattutto per esseri viventi che non hanno chiaro il perché stia accadendo tutto questo.




 

Perché Miro è stato.. ‘messo in zampette’

Il cane abitava con la sua padrona anziana e la figlia, in una casa con due piani con un giardino. E’ lì, in quello spazio grande e verde, che Miro ‘scorazzava’ libero ed è lì che passava anche le notti se il clima non era troppo freddo. A più di qualche metro, sono dislocate delle case ed è proprio da una di queste che sono partite ben due querele. Pare che il troppo abbaiare del cane non permettesse ai vicini di dormire durante la notte. Le lamentele di una famiglia di un condominio limitrofo, sono diventate denunce. Il giudice ha accolto la richiesta e ha disposto l’arresto ed il sequestro di Miro. I carabinieri hanno fatto irruzione nell’abitazione della proprietaria e hanno eseguito gli ordini del mandato.




 

 

Il maremmano è stato allontanato, nel pieno stile di un vero e proprio arresto, e portato al canile di Marco Rovereto dove ora è in attesa della sentenza del Tribunale del Riesame, che è stata rimandata a dopo le vacanze di Pasqua. L’anziana padrona del cane arrestato, ha ricevuto ben due querele che si sono automaticamente trasformate in due decreti penali.

L’AIDAA (Associazione italiana difesa animali e ambiente) non resta indifferente

Il presidente nazionale dell’Aidaa, Lorenzo Croce ha espresso tutta la sua rabbia per la vicenda. L’associazione di cui è portavoce, in conformità a quanto disposto dalla Legge, si prefigge di perseguire la protezione degli animali e la prevenzione e repressione del loro maltrattamento, nonchè la tutela dell’ambiente naturale. La sua reazione di protesta sulla storia di Miro, il cane arrestato è stata immediata. Egli stesso ha dichiarato le parole qui di seguito.




 “Come se non bastasse il caracal sottoposto agli arresti domiciliari a Milano, ora abbiamo anche il cane sottoposto agli arresti in canile perchè abbaia troppo. Il cane in questione è un maremmano sequestrato a una coppia di Rovereto. La sua colpa? Abbaiare troppo.  E cosi il giudice ha visto bene di “arrestarlo” confinandolo in un canile fino alla fine di aprile, quando si terrà il processo nel quale si deciderà il suo futuro.

Fonte: studiocon-te.it

E tutto questo accade proprio in concomitanza con la decisione del governo di alzare a quattro anni il limite minimo per entrare in carcere; precludendo di fatto questa possibilità a tutti coloro che vengono condannati per reati contro gli animali. Nella fattispecie assassini, avvelenatori e torturatori e in concomitanza con la pena ridicola a cui sono stati sottoposti gli assassini del cane. Questi proprio venerdì, hanno iniziato a scontare la loro pena consistente in sei mesi di lavori socialmente utili presso un canile”.

Poi  Lorenzo Croce ancora aggiunge: “Si tratta di un fatto vergognoso. Da una parte si lasciano liberi torturatori e assassini di animali e dall’altra parte si sequestra un cane perchè abbaia, quando l’abbaio è un diritto. E cosa ancora più grave si stabilisce che l’animale deve stare in canile fino alla fine di aprile. Questi fatti ci fanno capire che siamo oramai nel paese delle barzellette”.

Questo che riguarda il cane arrestato è solo uno dei tanti episodi che purtroppo raccontano di violenze e maltrattamenti verso gli animali, e speriamo che le voci che urlano in difesa degli amici a 4 zampe siano cosi fori e tante da porre fine a queste vicende. Intanto, aspettiamo di sapere anche noi quali siano le sorti del cucciolo Miro.

                                                                                                                                               Claudia Marciano

 

8 Comments
  1. Alessia says

    Mi dispiace molto per il cane,purtroppo anche gli altri animali e le persone hanno il diritto di stare in pace a casa loro,L abbaiare continuo diventa un inferno quando lo si deve subire tutto il giorno.I proprietari del cane dovrebbero portarlo fuori più spesso oppure cambiare casa e trovare un posto idoneo e isolato per un cane che abbaia troppo spesso.ricordo inoltre che un cane che abbaia troppo e’ un cane che ha problemi o e’ stressato,ad ogni modo non va tenuto in prossimità di altre abitazioni,il diritto alla quiete e’ un diritto di tutti,gatti,conigli,bambini,anziani!!!!speriamo (dato che dicono di amare tanto il proprio cane)che siano disposti a cambiare casa,io L ho fatto.

  2. iso says

    scAndaloso c’è una sentenza che determina che l’abbaiare di
    un cane fa parte della sua natura e quindi non punibile . Ci si dimentica troppo spesso che sono i migliori amici dell’uomo si vergognino il giudice e i vicini !

  3. Sara says

    E’ non punibile fino a che non diventa assillante.. E’ un comportamento che i proprietari potevano correggere benissimo … I cani sono membri della famiglia vanno amati e rispettati ma gli vanno date anche delle regole … ogni proprietario di qualsiasi animale ha diritti e doveri e responsabilità … io ho sei cani ma non li lascio vagare liberi dove vogliono perché possono essere anche un pericolo per se e per gli altri

  4. Gina says

    In ogni caso è assurdo l’arresto. Ma stiamo delirando? Un cane non è edotto delle regole umane. Che trovino un’altra soluzione è arrestassero i delinquenti ! Questo fatto è assurdo !

  5. Mauro says

    Il cane non è soggetto alle regole umane (poi se salta addosso a qualcuno come successo qui in paese da me ne riparliamo) ma i padroni si e ne sono responsabili. Il continuo abbaiare di un cane è logorante, specialmente per chi lavora e ha bisogno di tranquillità e riposo quando rientra a casa. Leggo anche che i padroni avevano ricevuto già 2 multe, a questo punto mi chiederei se hanno fatto come i classici italiani medi e se ne sono fregati. Il cane ha diritto di abbaiare ma se abbaia tutto il giorno c’è qualcosa che non va perchè l’abbaio del cane ha diversi significati tra cui disagio, noia, etc. e non solo la presenza di estranei o altro, il problema sono sempre e solo i padroni che non sanno capire ed educare un animale.

  6. Nicoletta says

    Certo questa è l’Italia, cani in prigione , assassini , stupratori e ladri liberi. Solo un vicino fra tanti si lamenta, se fosse davvero insopportabile
    ci sarebbero state più persone a querelare.
    Se la colpa dovesse essere dei proprietari vengano multati. Il cane non merita di finire in un lager.

  7. Ilenia says

    Arrestassero le PERSONE che commettono dei veri crimini..mi dispiace per la quiete dei vicini ma sono dell’idea che come il cane abbaia troppo c’è pure gente he parla tanto e per niente!!

  8. Rita says

    Cara Says, ci sono altri rumori che possono essere molesti per le persone e altri animali, pensi a chi abita vicino ad un aeroporto, una ferrovia, una autostrada o anche chi abbita in prossimità di una strada dove passano i camion. Il cane abbaia, il gallo canta, i gatti fanno casini nei giardini degli altri, ecc, ecc… Semmai chi non è tollerante a nessun rumore si dovrebbe cercare la casa lontano dai rumori della città o della natura. Molto spesso chi non è amante dei cani trova un minimo pretesto per denunciare i propietari.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi