Pete Doherty, il nuovo singolo che culla il suo demone

0

Il due dicembre uscirà “Hamburg Demonstrations”, nuovo album solista di Pete Doherty, successivo a “Grace/Wastelands”. Il leader dei “The Libertines”, band con cui, nel 2015 ha pubblicato “Anthems for Doomed Youth” che ha scandito il ritorno di una delle band indie rock più influenti, ha deciso di incidere un nuovo disco solista, pubblicato per  BMG/Clouds Hill.

Qualche giorno fa, il cantante “maledetto”, nativo di Hexham, ha rilasciato un singolo, accompagnato da un videoclip, preludio all’attesissimo album. La canzone si intitola “I Don’t Love Anyone (But You’re Not Just Anyone)”, diretto da Luca Whitmann. Nel video, sono state utilizzate dalle immagini dei live di Pete Doherty mischiate alle illustrazioni dell’artista Celine Jennings.
amy-winehouse-and-pete-doherty
“Hamburg Demonstrations”, in cui già nel titolo è probabile che l’artista abbia celato un gioco di parole, con il termine “demon”, in inglese “demone”, per uno che fa del tormento e dell’inquietudine uno stile di vita, comprende anche un singolo dal titolo “Flags Od The Old Regime”, riadattamento della già nota “Flags From The Old Regime”, commovente lirica dedicata al ricordo di Amy Winehouse. Con quest’ultima, infatti, il cantautore inglese ha vissuto una confusa relazione, tra uscite pubbliche descritte come “semplici amici” a sussurri di un amore tenuto nascosto e celato nel tormento in cui, probabilmente, i due si riconoscevano. (In questo link, un accenno alla vicenda: http://www.ultimavoce.it/amy-winehouse-e-blake-fielder-la-dannazione-del-loro-amore-raccontata-in-un-libro/ )

Nel nuovo album in uscita per la fine di questo anno, sarà presente anche la canzone “Hell To Pay At The Gates Of Heaven”, composta dopo i tragici attacchi al Bataclan di Parigi. E proprio Pete Doherty sarà il primo, in una tappa del suo tour in Francia, a calcare il palco del Batalcan, dopo il dramma accaduto nel novembre 2015.

L’artista maledetto, che canta i suoi demoni e le sue oscure tenebre, sfidando la mortificazione della paura e di chi, fuori di testa, cerca di inorridire il mondo.

Matteo Ferazzoli

(Intanto, ecco il nuovo video) :

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi