CAPSID: visualizzazione dei virus

Come l'arte e la scienza possono prosperare insieme

0

I primi casi di AIDS sono stati descritti oltre 30 anni fa, nei primi anni ’80. La nozione di una nuova malattia virale che uccideva quasi tutti quelli che si erano infettati era terrificante. Da allora, l’infezione da HIV è diventata una condizione cronica gestibile, con una normale aspettativa di vita se si è abbastanza fortunati da poter accedere al trattamento. L’HIV è ora il virus più studiato e meglio compreso di tutti.

Un virus è la più piccola entità biologica in grado di replicarsi, anche se sono assolutamente dipendenti dal loro ospite. Nel caso dell’HIV, solo gli esseri umani sono infetti. I virus sono essenzialmente macchine molecolari che possono riprogrammare le cellule ospiti per produrre virus.

I virus sono troppo piccoli per essere visti ad occhio nudo. Gli scienziati li visualizzano usando potenti microscopi che usano fasci di elettroni invece di luce. Questa tecnologia in rapida evoluzione sta rivelando la struttura dei virus in modo sempre più dettagliato, aiutandoci a capire come funzionano i virus. Ma ci sono anche altri modi per visualizzare i virus, come abbiamo scoperto quando abbiamo iniziato a lavorare con l’artista John Walter . Si è messo in contatto con alcune delle nostre immagini al microscopio dell’HIV.




I virus

Tutti gli esseri viventi sono infettati da virus. I virus tipicamente causano malattie nel loro ospite. L’host, a sua volta, utilizza in genere un sistema di difesa multi livello per prevenire e controllare l’infezione. Questo è il nostro sistema immunitario. Virus e ospiti sono coinvolti in una relazione antagonistica che è esistita durante l’evoluzione della vita sulla terra. Ciò è evidenziato dai resti di antiche infezioni virali, che hanno lasciato il loro DNA nei genomi ospite e ora comprendono circa l’ 8% del DNA umano .

Il lavoro degli esperti si basa sull’ampia ipotesi che l’HIV sia stato in grado di infettare 80 milioni di persone, uccidere 30 milioni e causare una pandemia globale, a causa della sua capacità unica di superare le difese comprese nel nostro stesso sistema immunitario. Attualmente lavorano sul capside dell’HIV, che è un contenitore che protegge il materiale genetico virale. Ma non è un contenitore passivo.

È una macchina molecolare che regola la sintesi del DNA virale e agisce come un GPS interagendo con una serie di proteine ​​nella cellula ospite che infetta. Attraverso queste interazioni sequenziali, il virus sa dove si trova, cosa deve fare e quando farlo. Ciò a cui puntano è capire come funziona il capside, chiedendo come interpreta queste informazioni e come si possa indirizzare i capside con nuovi tipi di farmaci.




JOHN-WALTER-CAPSID-VISUALIZZAZIONE-DEI-VIRUS
John Walter
La personale di John Walter ‘CAPSID

L’artista britannico John Walte,  nel suo ultimo, lavoro ha affrontato la complessità della virologia e la diffusione dell’infezione mortale. Dal marchio di formaggi The Laughing Cow a Marcel Duchamp e al ciclo vitale di un virus, Walter combina e sovrappone, ripete immagini e linguaggio da fonti scientifiche e culturali disparate. Ciò porta ad alcune giustapposizioni sorprendenti e, a volte, disorientanti. 

Avvincente, inventivo e surreale, CAPSID è il risultato della collaborazione tra Walter e il virologo molecolare Professor Greg Towers dell’University College di Londra.  L’indagine dell’artista su come i virus sono rappresentati nelle arti visive, in particolar modo si focalizza sul capside. Un guscio proteico che consente la rapida trasmissione di virus.





I capsidi sono i gusci proteici di un virus, che agiscono per proteggere, nascondere e consegnare il virus al suo ospite. Non possono che essere la scelta più ovvia di soggetto per una mostra. L’installazione multimediale occupa l’intero spazio della galleria a HOME, Manchester, seguendo il suo stint a CPG, Londra.  CAPSID è la più grande mostra personale di Walter fino ad oggi. Usando collage, pittura a colori, modellistica e abbondanza di altri media, insieme ai riferimenti della cultura popolare – dal design dei tappeti dell’hotel Adventure Time a Vegas – la mostra presenta un nuovo modo di vedere e comprendere i virus come l’HIV basato sul le migliori conoscenze scientifiche attuali.

 

Scienza e arte 

Scienza e arte sono entrambe discipline altamente creative e alcuni ricercatori assieme all’artista hanno promosso un reale impegno nell’adottare un approccio creativo per rispondere alle domande scientifiche. John ha dato una nuova base per incoraggiare gli scienziati e gli studenti in carriera a riconoscere che la scienza è un’impresa creativa. La sua collaborazione con gli esperti è stata molto più ampia di quanto previsto.

La mostra si basa sui temi centrali della pratica di Walter, che includono la biologia, l’ospitalità e l’estetica, e segue la sua mostra 2015 Alien Sex Club , esplorando il rapporto tra cultura visiva e HIV.

CAPSID è in mostra a HOME a Manchester fino al 6 gennaio 2019.

 

Felicia Bruscino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi