Caregiver, più di 140.000 bambini statunitensi ne hanno perso uno a causa della pandemia

Caregiver portati via dalla pandemia

Un bambino statunitense ha perso un genitore o un caregiver ogni quattro decessi COVID-19, rivela un nuovo studio di modellazione pubblicato su Pediatrics. I risultati illustrano l’orfanotrofio come una tragedia secondaria nascosta e in corso causata dalla pandemia di COVID-19 e sottolineano che identificare e prendersi cura di questi bambini durante il loro sviluppo è una parte necessaria e urgente della risposta alla pandemia. Sia per tutto il tempo in cui la pandemia continua, sia nell’era post-pandemia.

I dati associati ai caregiver

Dal 1 ° aprile 2020 al 30 giugno 2021, i dati hanno suggerito che oltre 140.000 bambini di età inferiore ai 18 anni negli Stati Uniti hanno perso un genitore, un nonno affidatario o un nonno caregiver che ha fornito la casa del bambino e i bisogni di base.

Nel complesso, lo studio ha dimostrato che circa 1 bambino su 500 negli Stati Uniti ha sperimentato l’orfanotrofio o la morte di un caregiver nonno. Ci sono state disparità razziali, etniche e geografiche nella morte associata a COVID-19 dei caregiver: i bambini di minoranze razziali ed etniche hanno rappresentato il 65% di coloro che hanno perso un caregiver primario a causa della pandemia.

Le vite dei bambini sono permanentemente cambiate dalla perdita di una madre, un padre o un nonno che ha fornito le loro case, i bisogni di base e le cure. La perdita di un genitore è tra le esperienze infantili avverse (ACE) legate a problemi di salute mentale; scolaring più breve; bassa autostima; comportamenti sessuali a rischio; e aumento del rischio di abuso di sostanze, suicidio, violenza, abuso sessuale e sfruttamento.




Lo studio è stato una collaborazione tra i Centers for Disease Control and Prevention (CDC)e  l’Imperial College di Londra. Finanziato dal National Institute on Drug Abuse (NIDA), parte del National Institutes of Health (NIH), così come dall’Imperial College di Londra.

Strumenti dell’analisi

L’analisi ha utilizzato i dati di mortalità, fertilità e censimento per stimare l’orfanotrofio associato a COVID-19 (morte di uno o entrambi i genitori) e i decessi di nonni affidatari e co-residenti. Questo tra il 1 ° aprile 2020 e il 30 giugno 2021, per gli Stati Uniti in generale e per ogni stato. “Decessi associati a COVID-19″ si riferisce alla combinazione di decessi causati direttamente da COVID-19 e quelli causati indirettamente da cause associate. Tra questi i blocchi, restrizioni agli assembramenti e agli spostamenti, diminuzione dell’accesso o della qualità dell’assistenza sanitaria e del trattamento per le malattie croniche. I dati sono stati anche separati e analizzati per etnia, comprese le popolazioni bianche, nere, asiatiche e indiane americane.

Complessivamente, si stima che 142.637 bambini abbiano sperimentato la morte di almeno un genitore, o di un caregiver nonno affidatario o altro co-residente.

Conclusioni

La morte di una figura genitoriale è una perdita enorme che può rimodellare la vita di un bambino. Dobbiamo lavorare per garantire che tutti i bambini abbiano accesso a interventi di prevenzione basati sull’evidenza che possano aiutarli a navigare in questo trauma. Ciò per sostenere la loro futura salute mentale e il loro benessere. Parimenti, dobbiamo affrontare le molte disuguaglianze sottostanti e le disparità di salute che mettono le persone di colore a maggior rischio di contrarre COVID-19 e morire di COVID-19. Questo mette i bambini di colore a un rischio maggiore di perdere un genitore o un caregiver e i relativi effetti avversi sul loro sviluppo.

Osservando sia i caregiver primari che secondari, lo studio ha rilevato che i risultati variavano notevolmente in base alla etnia. 1 su 168 bambini nativi americani, 1 su 310 neri, 1 su 612 asiatici e 1 su 753 bianchi ha sperimentato la morte dei caregiver.

Differenze tra gli stati americani

Nel complesso, gli stati americani con grandi popolazioni hanno avuto il più alto numero di bambini che affrontano la morte associata a COVID-19 dei caregiver. Tuttavia, quando analizzati per geografia ed etnia, gli autori sono stati in grado di mappare come queste morti e disparità variavano a livello statale.

L’attuale studio segue da vicino in linea con uno studio simile pubblicato su The Lancet nel luglio 2021, che ha rilevato che oltre 1,5 milioni di bambini in tutto il mondo hanno perso un caregiver primario o secondario durante i primi 14 mesi della pandemia di COVID-19. I ricercatori hanno utilizzato la definizione di orfanotrofio dell’UNICEF, come comprendente la morte di uno o entrambi i genitori. La definizione include i bambini che perdono un genitore, perché hanno aumentato i rischi di problemi di salute mentale, abusi, alloggi instabili e povertà domestica. Per i bambini cresciuti da genitori single, la morte associata a COVID-19 di quel genitore può rappresentare la perdita della persona principalmente responsabile di fornire amore, sicurezza e assistenza quotidiana.

Agostino Fernicola

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *