Cari Lord, ma cosa vi avrà mai fatto Theresa May?

0

Secondo rilevante intoppo per il governo May, che dopo la sconfitta riguardante il sostegno dei diritti dei cittadini europei residenti in terra bretone, è vittima dell’opposizione da parte della Camera dei Lord, dove i ‘peers’ hanno approvato, con 366 voti favorevoli contro 268 contrari, una mozione che prevede che entrambe le Camere votino sui termini dell’accordo stipulato e se necessario impongano al governo di riprendere il negoziato per ottenerne uno migliore una volta conclusa la trattativa tra Londra e Bruxelles sulla Brexit.

La disputa ruota attorno a diversi deputati che hanno espresso il proprio disappunto a dare quello che in Gran Bretagna è stato definito “un assegno in bianco” al governo, ma di voler aver un ruolo considerevole sulla negoziazione della Brexit.

Ovviamente il governo spera di poter capovolgere i giochi con i due emendamenti che torneranno alla Camera dei Comuni a cui spetterà l’ultima parola, e anche se, l’ex-leader dei lib-dem Nick Clegg, suggerisce ai suoi colleghi deputati di esprimere lo stesso giudizio dei lord, dovrebbe verificarsi l’esatto contrario. Va infatti ricordato che tra i deputati, il governo ha la maggioranza per 14 seggi, maggioranza, che dovrebbe consentire a Theresa May e ai suoi ministri David Davis, Boris Johnson e Liam Fox di coordinare indisturbati l’operazione “bye bye Eu”.

In attesa del prossimo 13 marzo, data in cui sapremo cosa uscirà fuori dalla Camera, tre fattori vengono posizionati sul tavolo da gioco:

 

  • L’incontrollato odio (per quanto possibile, ricordiamoci che stiamo parlando dell’educato e a modo popolo della Gran Bretagna) dei brexiteers verso i Lord, accusati di mettere in tasca 2.100 sterline a settimana solo per schierarsi contro la massima posizione popolare;
  • La posizione di apertura espressa da Bruxelles potrebbe drasticamente cambiare col passare del tempo, e la May potrebbe necessitare di un po’ di tempo in più;
  • E se il ritorno in campo di Tony Blair, spinto dalla missione di far cambiare idea ai brexiteers, non fosse poi un’idea così strampalata?

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi