Carlo Levi: il racconto del reale

www.biografieonline.it
0

Carlo Levi,nel suo capolavoro letterario: “Cristo si è fermato a Eboli”, usa una chiara metafora cristiana, quella di Cristo signore e modello della società occidentale e portatore di speranza e di progresso.

Eboli viene descritto come il paese che fa da confine e da spartiacque tra uno Stato che contribuisce a creare la storia nazionale e una realtà, quella del sud, fatta di immobilismo, di miseria e dolore. I contadini, veri protagonisti del romanzo vivono in una regione tra le più arretrate d’Italia, la Basilicata.

Levi
biografieonline.it

Levi, patriota, scrittore, medico e pittore è costretto a soggiornare in questo ambiente arretrato a causa della condanna al confino politico .

Egli, vivendo prima nella ricca Torino,  porta con sé un grande bagaglio culturale laico  e ideologico che fa a pugni con il mondo di “ignoranza” e superstizione della gente comune del sud Italia.

Il Levi non si erge a “dotto intoccabile”, ma è proprio l’umiltà culturale che gli permette di cercar di capire la loro dimensione del reale.

Al sud, è netta la divisione sociale tra signori e contadini in cui i primi vivono in un ambiente agiato e confortevole,mentre i secondi si lasciano avvolgere da incantesimi, amuleti e formule magiche per scacciare il malocchio e  il potere delle tenebre.

Tra le curiosità antropologiche del luogo, non bisogna trascurare la figura del monachicchio, uno spiritello dai poteri magici.

La fortuna dei paesani , secondo le antiche leggende,  deriva dalla cattura del “monachicchio” , uno spirito incappucciato che si aggira di notte nelle case dei dormienti, pronto a fare mille dispetti a ogni persona che prende di mira.

Ad esempio: fa il solletico sotto i piedi agli uomini addormentati, toglie le lenzuola dai letti, da pizzicotti, rovescia i  bicchieri di vino, o si nasconde  nelle folate di vento e facendo cadere le carte o i panni stesi , sottrae la sedia da sotto alle donne sedute, tira i capelli e nasconde gli oggetti di uso comune o preziosi nei luoghi più impensabili.

Se però di notte,un uomo riesce a prenderlo di sorpresa e a  sottrargli il cappuccio rosso, senza il quale non riesce a vivere,  egli è anche disposto a svelare  il nascondiglio di pignatte d’oro.

Queste credenze sono una chiara testimonianza di un’età ancora arcaica pre -cristiana in contrapposizione a quella umana dell’epoca di Cristo e siamo già nella prima metà del ventesimo secolo!

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi