CEJ: il Centro Europeo dell’Ebraismo inaugurato a Parigi

Il Centro Ebraico Europeo nel 17 ° distretto di Parigi, inaugurato lo scorso 29 ottobre dal Presidente francese Emmanuel Macron.

Wailing Wall, Jerusalem, Israel
0

Il CEJ, Centro Europeo dell’Ebraismo, ubicato nel 17° distretto della capitale, è stato inaugurato il 29 ottobre 2019, alla presenza del presidente Emmanuel Macron. Un progetto che assume una dimensione particolare in un contesto di rinascita dell’antisemitismo.

 Organizzato, per l’appunto, intorno alla sinagoga che sente la consapevolezza della cultura ebraica nel contesto di recrudescenza di atti antisemiti. Questo vasto complesso, culturale e religioso, nasce con lo scopo di essere un “luogo di scambio” e una “vetrina dell’ebraismo europeo”. Uno spazio di apertura che consentirà, al di là dell’aspetto religioso, di conoscere meglio la storia e le sensibilità della ricchezza della comunità ebraica francese. Oltre che ai festival, alla cultura e tutte le sfumature appartenenti ad essa.

Situato vicino alla nuovissima Piazza di Gerusalemme, nel 17 ° distretto, il CEJ troverà un respiro “alla fonte di una cultura, l’ebraismo, che scorre nelle vene dell’Europa. Da oltre due millenni e che ha contribuito a plasmare la nostra civiltà. Ma, soprattutto, il CEJ è in risposta a tre importanti sfide a livello locale, nazionale ed europeo.




Vale a dire:

  • Difendere il futuro dell’ebraismo.
  •  Trasmettere l’eredità spirituale.
  • Contribuire a “vivere insieme”.

Nel suo discorso inaugurale,  Emmanuel Macron ha “puntato” contro coloro che, “volendo seminare odio e divisione”, usano il principio del secolarismo “per guidare la lotta contro questa o quella religione”. Il capo dello Stato, evocando una forma di civiltà francese, ha sostenuto:

Il secolarismo non è né la negazione del fatto religioso, né uno strumento di lotta contro le religioni. Ma un valore che integra il trittico repubblicano (libertà, uguaglianza, fratellanza) in quanto sposa e rafforza ciascuno di questi pilastri. Il secolarismo è un principio di fraternità che deve vivere in ogni francese come una bussola nel suo rapporto con gli altri cittadini .

Un nuovo slancio

Dopo quattro anni di lavoro, il CEJ, un grande complesso sia culturale che religioso per tutte le sensibilità ebraiche emerge nella parte occidentale di Parigi. Il progetto di 15 milioni di euro finanziato l’80% con fondi privati ​​e per i quali combatte da più di dieci anni Joel Mergui. Presidente del Concistoro.

Collocato su un terreno di 1650 m² attribuito dalla Città di Parigi, la struttura contemporanea del CEJ solleva la sfida architettonica nella misura dei tre problemi sopracitati. Materializzandoli, così, su una base comune in tre poli distinti: una sinagoga e due edifici. Attività istituzionali e culturali (seminterrato completo con parcheggio).

Esemplare in termini di sicurezza e qualità ambientale, efficienza energetica, con una superficie totale di 4950 m2. Accessibile a persone con mobilità ridotta. Il CEJ offre ampi spazi modulari per soddisfare una domanda di attrezzature adattate a tutte le esigenze. La base comprende una grande lobby e mostra, una caffetteria e un ristorante aperto ai visitatori. Non lontano dal mikveh, un giardino e terrazze piantate sul tetto sono a disposizione del pubblico. Come anche spazi di relax o attività culturali/religiose.

L’astrazione dei volumi della sinagoga e dei due edifici di 5 e 7 piani, l’integrazione urbana della costruzione in cemento bianco. la rete metallica e il vetro, segnano il carattere decisamente originale e contemporaneo di questo centro. Interamente dedicato agli ebrei europei e allo sviluppo delle sue comunità.

Un luogo che non deve nulla al caso

La sua posizione nel 17 °  distretto di Parigi è legato alla recrudescenza di attacchi e atti antisemiti nel 2000 e nel 2010. Che hanno indotto gran parte della comunità a lasciare la capitale, spostandosi verso ovest, considerata zona più sicura. In questo distretto vivono tra i 37.000 e i 41.000 ebrei, dove formano una delle più grandi comunità ebraiche in Europa.

Esistono già circa quindici sinagoghe di tutte le sensibilità, ma nessuna di esse era membro del Concistoro. Il CEJ consente quindi al Concistoro, che incarna la corrente ortodossa, di affermarsi con forza nel nuovo centro di gravità del giudaismo parigino.

Il complesso, che ha iniziato a prendere forma nel 2006, è stato accompagnato da una serie di attacchi. Dall’assassinio di Ilan Halimi, nel 2006, agli attacchi di Merah, nel 2012, e quelli del Hyper Cacher, nel 2015. In tutte le sue fasi, questo progetto è stato allo stesso tempo una scommessa e un atto di fede.

Ha beneficiato di un ampio sostegno pubblico. Il Comune di Parigi ha messo a disposizione il terreno, lo Stato e la Regione hanno contribuito con 3 milioni di euro per la parte culturale. Il resto è stato finanziato con donazioni private (7 milioni) e un prestito del Concistoro centrale e del suo ufficio di Parigi (4 milioni).

 

Felicia Bruscino
Photo by Dave Herring on Unsplash

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi