Chissà oggi Marco Pannella su cosa si sarebbe giocato il corpo

Pannella visto da Andrea Pazienza
1

Chissà oggi Marco Pannella su cosa si sarebbe giocato il corpo

Aprire con la morte di Pannella può risultare ripetitivo, ma ci tocca! Devo però dire che è stato curioso constatare come, nel primo pomeriggio di ieri, i tg tradizionali annaspavano in un imbarazzante ritardo:  mentre le varie testate web già postavano lunghi salamelecchi postumi, sotto forma di coccodrilli, su un uomo che per vocazione sapeva rompere i coglioni alla reazione come nessuno, i vari notiziari ancora parlavano di “gravissime condizioni”.

Inizialmente, sui social,  gli incerti aggiornamenti su Pannella hanno prodotto  persino isteriche gaffe: qualcuno su Facebook – evidentemente scosso dall’esasperazione – ha scritto: Basta! Annuncio che è morto un’altra volta Don Gallo. Tanto sono uguali! Tra tutte queste dipartite bufala ci si confonde. Capita!

Oramai il gigante radicale non ce la faceva più … ma chissà contro chi o cosa avrebbe combattuto oggi.

Pannella visto da Andrea Pazienza
Pannella visto da Andrea Pazienza

Chissà come avrebbe interpretato un presente dove i diritti civili sono letteralmente “seviziati” dall’orgiastica eco della propaganda politica e dalle ricattatorie e striminzite “concessioni” dei vari “padri ricostituenti”  Verdini e Alfano.

Chissà in quale battaglia si sarebbe giocato il “corpo” e non la faccia … come dicono di fare tutti gli altri. Troppo facile – avrebbe detto – metterci la faccia in Italia: perché dalle nostre parti …  faccia e culo sono sinonimi!

Chissà cosa avrebbe detto – da estenuo oppositore delle legislazioni d’emergenza – della subdola imposizione di uno stato di grottesca eccezione avallato dai media. Una perenne “analgési” fatta di fiction, islamofobia e notizie drogate. Chissà quanto avrebbe sbraitato su questo continuo puntare il dito contro lo straniero che “ruba” lavori che nessuno vuole più fare.

Chissà come si sarebbe sentito nel prendere tristemente atto di aver intrapreso le sue battaglie da solo e di averle finite così come le ha cominciate … da solo.

Oggi siamo tutti amici di Pannella: chi ha una foto con lui la posta con una sfacciata lacrima,  ma dietro a quell’ ipocrita cordoglio c’è solo uno “sciacallante” protagonismo, un penoso voler dire: vedete? Io lo conoscevo il morto! Sono un vip!, postumo … ma vip! Poi casomai di Pannella sapeva poco o niente, forse non gli era neanche simpatico … ma che fa? Tutto fa brodo per il vip postumo, e poco conta se, in vita, Marco Pannella non era altro che un isterico sciroccato, un nevrotico che faceva gesti eclatanti solo per mettersi in mostra.

E’ vero Giacinto (detto Marco), storicamente abbiamo già vinto, ma il prezzo di questa vittoria lo stiamo pagando con gli interessi in un presente plastificato.

fonte immagine: Marco Pannella visto da Andrea Pazienza

1 Comment
  1. […] Inizialmente, sui social, gli incerti aggiornamenti su Pannella hanno prodotto persino isteriche gaffe: qualcuno su Facebook – evidentemente scosso dall’esasperazione – ha scritto: Basta! Annuncio che è morto un’altra volta Don Gallo. Tanto sono uguali! Tra tutte queste dipartite bufala ci si confonde. Capita!  […]

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi