Ci sono bestie a cui fanno vomitare le persone affette da sindrome di down

V0030054 Three boys with Down's syndrome, standing in a line. Photogr Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images images@wellcome.ac.uk http://wellcomeimages.org Three boys with Down's syndrome, standing in a line. Photograph, 1902. 1902 By: George Edward ShuttleworthPublished: - Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/
0

Per alcune famiglie, i ristoranti dovrebbero esporre cartelli con scritto “Qui non accettiamo persone con la sindrome di down”.


Guardate questi ragazzi.


Si chiamano Antonio, Domenico, Gabriele e Barbara. E qualche giorno fa qualcuno li ha guardati in faccia ed ha detto loro:

“Non mangiamo vicino ai down, ci fanno vomitare”.

Pensate alla sensazione che devono aver provato in quel momento.

Loro, che erano entrati in quel ristorante della loro città, in Calabria, solo per mangiare una pizza. Per stare insieme, divertirsi un po’. E che per questo si sono sentiti gridare addosso la rabbia e l’odio di una famiglia di “personcine perbene” che non voleva cenare vicino a loro. Perché sono ragazzi con la sindrome di down. E quella famiglia non lo sopportava. Quindi vai di insulti. Pesanti, violenti. Di quelli che feriscono. Per poi colpirli con l’ultima umiliazione: andare via in segno di protesta. Di protesta. Come se, per quella famiglia, la colpa fosse anche del ristorante che non aveva affisso un cartello con scritto “Qui non accettiamo persone con la sindrome di down”.

Cari ragazzi, anche se siete forti e lo sappiamo, vi mandiamo comunque un abbraccio. Il più forte che possiamo darvi. E vi confessiamo anche una cosa. Anche a noi verrebbe la nausea a mangiare accanto a certe persone. E’ vero.

Ma quelle persone non siete certamente voi. E’ quella famiglia.

 

Leonardo Cecchi

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi