Colpo Higuain: ora la Juventus è imbattibile?

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

L’acquisto da record di Higuain regala a Max Allegri una squadra da sogno, pronta a trionfare in Italia e in Europa

Ormai è fatta: Gonzalo Higuain sarà un nuovo giocatore della Juventus. Seppure manchi ancora l’ufficialità, il passaggio del fuoriclasse argentino dal Napoli alla squadra campione d’Italia è come il segreto di pulcinella: Higuain ha fatto le visite mediche in segreto a Madrid, l’accordo per il contratto quadriennale a circa 8 milioni a stagione sembra essere definito e manca solo la notifica da parte del club torinese del pagamento della clausola rescissoria di 94,7 milioni di euro per considerare chiuso l’affare più costoso della storia del calcio italiano.

Higuain
fonte: azzurrissimo.it

Il Napoli di Aurelio de Laurentis, in tutto questo, non avrà voce in capitolo. Il presidente partenopeo potrà solo fare buon viso a cattivo gioco e, così come era accaduto per Cavani, sfruttare questa valanga di soldi per rendere ancora più competitiva la squadra allenata da Maurizio Sarri.
Ma se il Napoli dovrà scommettere su un nuovo attaccante (le alternative sono molteplici, da Bacca, a Icardi, a Morata) e rifondare il proprio progetto con tutti i rischi del caso, la Juventus può dirsi definitivamente rinforzata e pronta ad affrontare la nuova stagione con i favori del pronostico non solo in campionato, ma anche in Champions League.

Higuain è, infatti, solo l’ultimo di una serie di acquisti importantissimi che, alla luce di una spesa di altri quasi 80 milioni, hanno puntellato la formazione di Massimiliano Allegri in tutti i reparti: Benatia e Dani Alves in difesa, Pjanic a centrocampo, Pjaca sulla trequarrti. Una squadra estremamente competitiva, nonostante la quasi scontata cessione del gioiello Pogba, che darà respiro alle casse bianconere con circa 120 milioni di euro, e quelle probabili di giocatori importanti ma non titolari come Hernanes, Pereyra, Zaza e Rugani.

Una campagna acquisti, quella juventina, che fa impallidire le altre compagini italiane, ancora impantanate in cessioni societarie e fair play finanziari e che sembra annientare la competizione per quanto riguarda la vittoria del sesto scudetto consecutivo.
Ma è davvero così? La Juve vincerà in campionato a mani basse (un po’ come il Bayern in Germania e il PSG in Francia) e arriverà senza problemi nelle zone calde della massima competizione europea? Soltanto il tempo potrà dircelo, l’unica cosa che possiamo fare ora è speculare su quanto davvero si sia rinforzata, reparto per reparto, la formazione bianconera.

In difesa i conti sono facili: con un Dani Alves in più a destra e Benatia a creare una valida alternativa in caso di prevedibili acciacchi dovuti all’età di Barzagli e Chiellini, la Juve qui è tra le migliori al mondo.
Di contro, la perdita di Pogba e l’infortunio di Marchisio rendono il centrocampo un reparto con meno certezze. La duttilità e la qualità dei nuovi Pjanic e Pjaca potrebbero, infatti, non bastare a compensare le difficoltà fisiche di giocatori fragili come il principino e Khedira. Nonostante un nuovo acquisto di rilievo potrebbe cambiare le carte in tavola, in questo momento l’incertezza in mezzo al campo resta l’unico punto debole (relativo) di questa squadra.

Ma il reparto che fa sognare i tifosi bianconeri è quello offensivo, dove la coppia argentina Higuain-Dybala sembra garantire da sola almeno una cinquantina di gol. Da una parte, infatti, c’è il recordman del campionato italiano (grazie ai 36 gol dello scorso anno), dall’altra c’è la Joya ex-Palermo, uno dei più grandi prospetti del calcio mondiale.
I due fuoriclasse argentini non solo parlano la stessa lingua, ma sembrano essere perfetti per giocare assieme: un destro e un mancino, un centravanti moderno dinamico e completo e una seconda punta dall’assist facile e abile nel tiro da fuori.

È proprio questa accoppiata a rendere tanto temibile la corazzata bianconera: si ha la sensazione, infatti, che aggiungendo alla tipica solidità difensiva bianconera il talento cristallino di questi due attaccanti, nessuno potrà arrestarne l’avanzata. Ma, per fortuna, il calcio non funziona così e non sempre i migliori sono quelli che esultano a fine stagione. In Italia, il Napoli e la Roma hanno numeri importanti, e le milanesi, rafforzate dagli investimenti cinesi e desiderose di tornare protagoniste, potrebbero sorprendere. In Europa, soprattutto, il discorso non è mai scontato e vincere sarà un’impresa ardua anche per la migliore Juve immaginabile.

In sostanza, sì, questa nuova Juventus fa paura e si candida all’ennesima stagione di trionfi. Ma i tifosi bianconeri aspettino ad esultare: nello sport, e in particolare nel calcio, nessuna vittoria deve essere mai data per scontata.

Stampa questo articolo