I confederali scoprono che i licenziamenti Sky erano evitabili, l’azienda ringrazia e festeggia

Fonte Immagine: usb.it
0

A sei mesi dal 17 gennaio, giorno dell’annuncio del piano lacrime e sangue di Sky, i sindacati confederali seduti lunedì al tavolo del ministero del Lavoro per la procedura di licenziamento collettivo scoprono che gli obiettivi di Sky sono “DISTANTI”: per noi già il 17 gennaio i licenziamenti annunciati da un’azienda in fortissimo attivo erano ILLEGITTIMI. Loro, soltanto oggi, finalmente scoprono che erano “EVITABILI”.




A una settimana dalla chiusura del tavolo delle trattative Cgil, Cisl, Uil e Ugl riconoscono che l’azienda manterrà e AMPLIERÀ l’operatività inizialmente dichiarata per le diverse sedi a Roma, da quella del Tg24 a quelle di via Salaria. Perché le Rsu non lo hanno spiegato fin dall’inizio ai lavoratori che in Sky hanno sempre prestato la loro opera in quelle stesse attività, sia tecniche televisive che amministrative? Perché invece hanno preferito accompagnarli a decine a firmare licenziamenti e trasferimenti “volontari” da servire a Sky su un piatto d’argento?

Dopo tutto questo tempo, solo il 25 luglio le organizzazioni sindacali complici ci rivelano finalmente le favolose proposte che hanno presentato al tavolo: dal part-time allo smart-working, tutte nella sola direzione di andare incontro all’azienda, al suo risparmio, alla sua convenienza. In tutte le direzioni, insomma, meno che in quella che va contro il taglio del costo del lavoro e l’annientamento dei diritti dei lavoratori.

I sindacati seduti al tavolo della trattativa hanno preferito perseverare nel loro silenzio complice per agire dietro le quinte, mentendo ai lavoratori perfino sulla ‘favola’ di un ricorso ex art.28, pur di non infastidire in alcun modo la mattanza di Sky. In sei mesi non hanno MAI proclamato né una né più settimane di agitazione e oggi vogliono raccontarci che i “cattivi” sono solo Sky e il Ministero che non vogliono salvare i lavoratori!




NESSUN LICENZIAMENTO O ESTERNALIZZAZIONE IN UN’AZIENDA CHE SI ARRICCHISCE SEMPRE DI PIÙ!

NESSUN LICENZIAMENTO DA UN’AZIENDA CHE MANDA AL MACERO I DIRITTI DEI LAVORATORI CONTINUANDO AD ASSUMERNE A DECINE COI CONTRATTI DA SCHIAVI DEL JOBS ACT!

SOLIDARIETÀ AI 260 LAVORATORI DI ERICSSON CHE STANNO RICEVENDO LE LORO LETTERE DI LICENZIAMENTO VIA EMAIL MENTRE ROMA SI APPRESTA A DIVENTARE UNA CITTA’ DESERTIFICATA DAL LAVORO!

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi