Che Guevara – Jesus: 1-0 palla al centro

ioarte.org
0

La differenza tra Che Guevara e Gesù si nasconde all’interno dei loro garage. Non poteva essere altrimenti, per molti, giusto o sbagliato che sia, queste due icone hanno importanza diversa, ma c’è una cosa che risulta innegabile: esprimono con la stessa forza e totalità i concetti dei “movimenti” che ormai rappresentano.





E’ possibile accostare due personaggi come Gesù e Che Guevara? La risposta è si, a patto che tu non sia un fanatico pronto a scandalizzarsi per l’uso inappropriato e strumentale di questi due personaggi.

Puoi continuare a negarlo, ma le similitudini tra i due protagonisti sono davvero tante, inoltre, in questo momento vivono una contestualizzazione sociale davvero analoga.

Secondo quanto espresso dal vaticanista del quotidiano La StampaGiacomo Galeazzi, la fede in Dio è in netto calo, inoltre i fedeli più spesso sono anziani. Secondo una media proposta dallo stesso giornalista, crede in Dio il 43% degli ‘over 68’, contro appena il 23% degli ‘over 27. Guardiamo in casa nostra? Il record di fedeli non si registra nel Belpaese che ospita in Vaticano, ma nelle Filippine: qui il 94% delle persone dichiara di aver sempre creduto in Dio, contro il 72,1% degli italiani.

E il rivoluzionario Che Guevara? Partiamo dalle sue parole: “uno dei compiti più importanti per un rivoluzionario, è di osservare nel trascorrere degli anni di rivoluzione come si vanno formando, affinando e rafforzando le istituzioni nate all’inizio della Rivoluzione”. Bene, cosa rimane delle tante nostre piccole rivoluzioni? Niente! La Costituzione italiana sembra contare sempre meno, non abbiamo un’identità politica, non abbiamo sogni, abbiamo sempre meno speranze, Istituzioni che cadono a pezzi e un livello di fiducia che fatica a rimanere a galla anche quando si parla di noi stessi. Non prendiamoci in giro, di Che Guevara non rimane altro che l’oggettistica nelle bancarelle estive, oltre a valori morali che proprio non riusciamo a trovare online come tutte le altre cose.

Ma in questo onirico scontro tra titani chi potrà mai avere la meglio?

Partiamo da quello che attualmente risulta una delle cose più importanti per la nostra società, il look. Entrambi barba e capelli lunghi, pionieri dello stile “selvaggio” destinato a non tramontare mai e che tanto piace alle teenagers di tutto il mondo.

Entrambi si dedicavano ai bisognosi e ai malati, entrambi furono uccisi da una potenza imperialista straniera. Gesù accusato dai sommi sacerdoti ebrei e condannato definitivamente dal popolo di Gerusalemme, fu giustiziato secondo la legge romana dai soldati romani. La caccia e la conseguente uccisone di Guevara in Bolivia fu guidata da Félix Rodríguez (o se preferite Félix Ramos), agente infiltrato della CIA in stretto contatto con i boliviani.

Entrambi sono stati traditi da persone di cui avevano piena fiducia, Gesù dal famoso Giuda, mentre il Che, secondo Benigno, suo inseparabile compagno, fu addirittura Fidel Castro a tradirlo.

Entrambi hanno sostenuto la comunità dei beni e la loro ripartizione senza alcuna distinzione.

Il parallelismo più importante riguarda il messaggio di ciascuno che si è diffuso tra gran parte degli esseri umani sia in senso positivo, che in senso avverso e opportunista per il potere e l’affastellamento delle ricchezze.

Ma allora chi la spunta tra i due? Potremmo mai avere dei dubbi? Certo che no, Che Guevara non sarà stato il Valentino Rossi del Sudamerica, ma aveva una moto altrettanto conosciuta come quella del Dottore.

Quanto basta per accaparrarsi la vittoria finale!

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi