Cosmos: Possible Worlds il futuro attraverso la scienza

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Cosmos: Possible Worlds, la terza edizione del leggendario programma televisivo scientifico porta gli spettatori in mondi lontani  per disparare possibili futuri. Presentata in anteprima il 9 marzo 2020, su National Geographic, fa seguito Cosmos: A Spacetime Odyssey (2014). Che a sua volta è seguito  dell’originale Cosmos: A Personal Voyage , presentato da Carl Sagan nel 1980.

La nuova stagione di Cosmos , presentata in anteprima il 9 marzo 2020 , dimostra la straordinaria viscosità di una grande idea. Nel 1973 – anni prima che esistesse Cosmos il libro e Cosmos la serie televisiva originale – Carl Sagan scrisse un libro intitolato The Cosmic Connection. Mescolava scoperte astronomiche all’avanguardia con speculazioni informate, riflessioni filosofiche sul metodo scientifico ed elementi di memorie personali.

La connessione che è iniziata con quel libro rimane ininterrotta. Nel 1980, The Cosmic Connection generò Cosmos Programma televisivo su PBS, che secondo i dati è stato visto da 500 milioni di persone in tutto il mondo. Sagan è morto nel 1996 ma la sua voce è tornata in un sequel del 2014, Cosmos : A Spacetime Odyssey.  La sua eredità sopravvive ancora oggi attraverso il lavoro di Ann Druyan . Che continua a lottare per l’educazione scientifica attraverso la serie che lei, suo marito Carl e il co-creatore di Cosmos ,  Steven Soter, hanno iniziato decenni fa.

Sagan è morto nel 1996 ma la sua voce è tornata in un sequel del 2014, Cosmos : A Spacetime Odyssey. Dove a condurre c’è l’astrofisico / comunicatore scientifico contemporaneo Neil deGrasse Tyson, e continua ancora oggi con il nuovo sforzo della serie, Cosmo: Possible Worlds.

Molte cose sono cambiate dai tempi di The Cosmic Connection e dell’originale Cosmos . All’epoca l’esistenza di pianeti attorno ad altre stelle era una questione di speculazione; ora è un fatto scientifico . La possibilità di costruire astronavi che navigano sulla luce era solo un’idea tecnica intrigante; ora c’è una vela leggera che gira sopra la Terra. Anche la società è cambiata.

Ciò che non è cambiato sono gli elementi essenziali di ciò che ha reso i libri e gli episodi originali di Sagan così duraturi. Come i suoi predecessori, Cosmos: Possible Worlds è vivo con la meraviglia della scoperta. Ci ricorda che il metodo scientifico può essere un processo dirompente, che a volte appare minaccioso per coloro che detengono il potere politico e culturale. Tuttavia, la scienza non è una forza semplice per il bene.  È uno sforzo umano e pertanto porta con sé gli stessi desideri, pregiudizi ed emozioni che permeano tutto ciò che facciamo.

Immaginazione al servizio della scienza

Nella vastità del tempo e nell’immensità dello spazio, il numero di mondi da esplorare e le storie da raccontare sono praticamente infinite. Questa stagione è un viaggio trionfante attraverso il passato, il presente e il futuro dell’umanità. Conduce gli spettatori in territori inesplorati  trasformando temi complessi come scienza ed esplorazione in un’avventura strabiliante. Al di là dei regni dell’immaginazione.

E, alla domanda di chi si preoccupa che l’immaginazione non possa essere discernita dalla realtà, gli autori sostengono il loro impegno nel garantire che ”  l’immaginazione sia al servizio della scienza  “, che determina un valutarsi a vicenda. ‘Raccontare e comunicare storie’  intorno alla scienza è una forma di comunicazione più alta e complessa rispetto a tutte le altre forme di narrazione.

Per Ann Druyan, Cosmos: Possible Worlds  è una risposta ai cambiamenti climatici. All’ondata di false informazioni, allo scetticismo sul clima e alla negazione di fatti scientifici. Tuttavia, di fronte all’emergenza climatica, afferma che; ”  è più che mai necessario essere in grado di affrontare realtà, informazioni e verità. Ed è la scienza che può soddisfare questa esigenza:. Anche questa stagione di Cosmos cerca di dimostrarlo  . Dal canto suo, l’astrofisico Neil deGrasse Tyson descrive Cosmos come:  una fonte di informazioni, ispirazione ma anche motivazione. La motivazione per far meglio e per mantenere la speranza.




Pare che questa nuova stagione confermi tale approccio. La narrazione scientifica ci porta dall’altra parte dell’Universo mantenendo costantemente “Madre Terra” sul campo. Nessun problema viene presentato senza l’alba di una soluzione scientifica, collegandola a ciò di cui l’umanità è capace. Ann Druyan riassume il messaggio di Cosmos: Possible Worlds  così: ”  Se ci svegliamo, abbiamo tutto il necessario per creare un magnifico futuro, un mondo migliore  ” .

Una serie scientifica esistenziale e accessibile

Cosmos: Possible World abbraccia la nascita del cosmo – il Big Bang – all’inizio del Calendario Cosmico e dei suoi vasti 13,8 miliardi di anni di evoluzione cosmica. Gli episodi integrano VFX all’avanguardia, animazione stilizzata e rievocazioni drammatiche. Che porta gli spettatori in profondità nel futuro e attraverso quel buco nella cortina della realtà.

Un’odissea piena di meraviglie che traccia una visione di speranza del nostro futuro. Ma proprio come Cosmos ci ricorda, l’importanza di conoscere la nostra storia della scienza spinge gli spettatori nel futuro, mostrandoci un’idea di come potrebbe essere la Fiera mondiale del 2039.

La serie dà un’occhiata ad altri pianeti per impartire lezioni sui cambiamenti climatici. Ma c’è anche una nozione più ampia di come la scienza e le costanti dell’universo già toccano i microcosmi sulla Terra in una varietà di modi. Come le api che usano la matematica per trovare il nettare, i funghi che comunicano tra loro attraverso il loro complesso sistema di radici. Cosmos: Possible Worlds mette in evidenza l’importanza di questi mondi, degni della nostra attenzione tanto quanto lo spazio.

C’è così tanta scienza là fuori nel mondo, che abbraccia ogni frequenza nello spettro elettromagnetico e che va dal subatomico al multi-universale. E il tentativo di coprire tutto si traduce in ampi tratti da un alto livello o in una raccolta spicciola per spiegazioni più profonde.

E poi c’è l’ulteriore sfida di comunicare effettivamente quella scienza e cosa significa per il pubblico di tutti i livelli di curiosità ed educazione. Cosmo: Possible Worlds cerca di stabilire una connessione significativa collegando scoperte scientifiche, principi e possibilità future alla condizione umana.

Sia attraverso le storie di singoli ricercatori, intrepidi gruppi di esploratori che intere civiltà che abbracciano concetti scientifici. Dovremo fare lo stesso su scala planetaria se vogliamo mitigare i danni causati dai cambiamenti climatici, dall’estinzione dell’Antropocene e dall’eventuale perdita della regione abitabile della nostra Terra. Vi è molto da affrontare.

 

Felicia Bruscino
Photo by Justice Dodson on Unsplash

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.