Cuore e dieta: conta quel che si mangia ma anche il quando

La notizia la troviamo in un comunicato stampa sul sito della Endocrine Society (una comunità globale di medici e scienziati), l’ennesima ricerca su cuore e dieta  ha trovato una correlazione tra mangiare un certo tipo di cibi a cena piuttosto che a colazione e un aumentato rischio per il cuore.
La ricerca è stata condotta su dati di 27911 adulti statunitensi presi dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) ma il primo autore, Ying Li , e i suoi colleghi sono ricercatori cinesi dalla  Harbin Medical University di Harbin (China).
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica della Endocrine Society il Journal of clinical endocrinology & metabolism.
A proposito di cuore e dieta ormai è risaputo che sarebbe meglio limitare le carni grasse e i carboidrati raffinati e preferire una dieta ricca di frutta e verdura e carboidrati integrali, in sostanza per tenere basso il colesterolo che è un grande fattore di rischio cardiovascolare.



La cosa sorprendente scoperta dai ricercatori è che i dati indicano che (in parole povere) se proprio non potete fare a meno del vostro bacon perlomeno fateci colazione e non mangiatelo a cena.
Cioè è stato osservato che a parità di dieta consumare certi alimenti a cena aumenta il rischio del 10%.
Non chiedetemi il perché e per ora non chiedetelo nemmeno ai ricercatori, aver trovato una correlazione non significa aver spiegato come funziona la causalità, anzi a voler essere rigorosi non è nemmeno prova che questa causalità esista (che il momento della giornata in cui si consumano certi cibi  aumenti o diminuisca il rischio che comportano) però i dati in quella direzione sembrerebbero puntare. Su un campione così grande e fatti tutti i doverosi aggiustamenti nell’esaminare i dati è difficile pensare che una correlazione sia una coincidenza anche se ancora non ne conosciamo il motivo. O perlomeno non se ne è occupata questa ricerca, magari i ricercatori avranno delle supposizioni.
Dunque se non sappiamo rinunciare a certi cibi perlomeno teniamoli per il giorno!

Roberto Todini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *