Dall’Alaska alla California le temperature impazziscono

Un insolito caldo invernale in Alaska con temperature che segnano i 19,4°C, temperature polari da correnti fredde negli Stati nord-occidentali degli Stati Uniti.

Dicembre è solitamente uno dei mesi invernali più freddi dell’emisfero settentrionale. Ma, nel 2021, un periodo insolitamente caldo in Alaska ha visto le temperature diurne salire fino a quasi 20°C. In un periodo normalmente segnato da temperature gelide.

Nella comunità insulare di Kodiak, la temperatura domenica ha raggiunto i 19,4 °C. La più alta a dicembre mai registrata in Alaska. Come afferma lo scienziato Rick Thoman dell’Alaska Center for Climate Assessment and Policy. Che ha classificato il rapporto: ’una misura assurda’.

Il nuovo record non è stato un caso isolato ed è arrivato in mezzo a un’ondata di alte temperature a dicembre. Come i 18,3°C registrati all’aeroporto di Kodiak. Un record di 16,6°C nella comunità di Cold Bay e almeno otto giorni di temperature superiori ai 10°C nella città di Unalaska.

I record dell’Alaska segnano la fine di un anno che è stato assolutamente soffocante negli Stati Uniti in generale. I record di calore sono stati stabiliti praticamente in ogni regione. Con ondate di calore che si sono diffuse in tutto il paese. Nel nord-ovest del Pacifico, il caldo senza precedenti della scorsa estate ha letteralmente sciolto le infrastrutture critiche e deformato le strade.

Negli ultimi giorni Montana, North Dakota, Washington e Wyoming hanno tutti registrato record di calore per dicembre. Durante la prima settimana del mese, il National Weather Service ha stimato che fino a un terzo degli Stati Uniti continentali ha registrato massime superiori a 31°C.




Tipicamente, dicembre è un mese secco nell’interno dell’Alaska, perché l’aria fredda non può trattenere molta umidità. Ma quest’anno anche questo è cambiato. Negli ultimi giorni, forti piogge hanno colpito l’interno dell’Alaska, con l’area di Fairbanks che ha subito la tempesta invernale più violenta dal 1937.

Le piogge sono arrivate dopo giorni di nevicate, che hanno coperto di ghiaccio molte comunità della regione. Causando interruzioni di corrente diffuse e la chiusura di strade e importanti attività commerciali. Il fenomeno è stato così intenso che si è guadagnato il soprannome: Icemageddon.

Il caldo record dell’Alaska è particolarmente notevole poiché lo Stato è noto per il suo freddo intenso e la vicinanza all’Artico. Gli scienziati affermano che si sta riscaldando più velocemente rispetto al resto degli Stati Uniti e sta già soffrendo di inondazioni, erosione e altri segni dovuti al cambiamento climatico.

Mentre questo accade in Alaska, gli stati nord-occidentali degli Stati Uniti sono interessati da temperature polari che dovrebbero persistere per diversi giorni. Anche a causa delle correnti d’aria fredda provenienti dall’Artico.

L’ondata di freddo si sta diffondendo dal Nevada alla California. Con temperature che scendono ben al di sotto dello zero. Dopo aver affrontato la siccità estiva all’inizio di quest’anno, alcune parti della California stanno registrando nevicate da record. Il Central Sierra Snow Laboratory nel nord della California ha registrato quasi 5,2 metri di neve. Gli scienziati dicono che è il dicembre più nevoso mai registrato.

Tuttavia, non è abbastanza per compensare la siccità di quest’anno. Il manto nevoso della Sierra Nevada rappresenta il  30% della fornitura di acqua dolce, secondo il Dipartimento delle risorse idriche della California, risulta  ancora al di sotto della media storica.

Ad esempio, il bacino idrico del Lago Oroville è pieno solo al 37%, rispetto alla sua media tipica del 71% in questo periodo dell’anno. A causa del basso livello dell’acqua, la centrale idroelettrica di Oroville è stata costretta a chiudere quest’estate. Una evento che non si verificava dall’apertura del bacino nel 1967.

La siccità di questa estate è stata la peggiore che la California abbia vissuto in 126 anni. Con luglio che ha segnato il mese più secco da quando è iniziata la raccolta dei dati nel 1895. Gli esperti prevedono che con l’accelerazione del cambiamento climatico e l’aumento delle temperature invernali, le nevicate diminuiranno.

Affermano, inoltre, che il cambiamento climatico non sta solo aumentando la gravità delle condizioni meteorologiche estreme, ma sta interrompendo i modelli naturali. Causando oscillazioni selvagge tra gli estremi secchi e quelli umidi.

In definitiva, la California, negli ultimi anni, ha sperimentato “colpo di frusta meteorologico“. Poiché le tempeste atmosferiche dei fiumi causano inondazioni distruttive un anno e l’estrema siccità causa carenza d’acqua il prossimo.

Gli esperti sostengono che, nonostante le nevicate da record, l’estrema siccità della Sierra Nevada sembra essere un triste esempio delle conseguenze della crisi climatica.

 

Felicia Bruscino 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *