Dark Nouveau: prima personale in Italia del collettivo artistico Malleus

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA
adobetips.org
adobetips.org

Arriva finalmente in Italia la prima esposizione dedicata al Malleus Rock Art Lab, un collettivo di tre artisti tutto italiano che nasce a Tortona nel 2002.

Per quanto purtroppo ancora sconosciuti ai più in casa nostra, i tre artisti che compongono il collettivo, Poia, Lu e Urlo, godono all’estero di una fama acquisita negli anni grazie al loro stile decisamente unico e immediatamente riconoscibile, che fa riferimento e rielabora i motivi e lo stile dell’art nouveau, del simbolismo, ma anche del manga, della psichedelia e della pop art.

La loro produzione artistica nasce dalla passione fortissima per il rock, e infatti molti dei lavori del collettivo sono proprio serigrafie elaborate per artisti noti come Cure; Prodigy; Iggy Pop; Foo Fighters, e molti molti altri.

Protagonista indiscusso delle opere e quindi anche di questa esposizione è la figura femminile: donne fatali, incantate e incantatrici, come spiega Enrico Debandi, il curatore della mostra: “Tutti gli ingredienti utilizzati si fondono con l’elemento principale della loro poetica, che è la forma femminile, la dea primordiale, da cui tutto nasce. Un po’ liberty un po’ dark, mescolato con elementi di surrealismo e citazioni dalla scuola dell’espressionismo, risultante in un’esperienza psichedelica di magia visiva quasi travolgente. Tutta la potenza dei lavori dei Malleus si basa su disegni a mano eseguiti in maniera magistrale che riflettono il loro profondo amore per la musica“.

La mostra è stata inaugurata a Torino il 4 giugno nelle sale dell’Appartamento Padronale di Palazzo Saluzzo Paesana e negli spazi dell’ex Teatro Paesana, e si sviluppa indue differenti aree espositive: nelle sale dell’Appartamento Padronale saranno esposte opere inedite, pezzi unici e rari; nonchè una parte dedicata alle serigrafie ispirate alle opere cinematografiche di Dario Argento, che in questo contesto creano un dialogo unico con la città di Torino, che ospita la mostra e che è stata più volte protagonista dei film del regista; mentre negli spazi dell’ex Teatro Paesana trova posto la poster art del collettivo dedicata a noti gruppi musicali, e le ultime esplorazioni nel campo del video musicale.

 

Barbara Louise Ramage

Stampa questo articolo