Dda processo per due sacerdoti: tentata estorsione mafiosa

Processo per estorsione con metodo mafioso per due sacerdoti vicini al clan Mancuso.





La richiesta del Pm di rinvio al processo arriva dopo che i due sacerdoti, vantando una vicinanza alla nota famiglia mafiosa, hanno costretto un debitore a rendere loro i 9000 euro prestati.

Ad appesantire l’accusa alcuni messaggi a sfondo sessuale inviati da uno degli incriminati alla figlia disabile della vittima.

Rinvio a giudizio per i due Sacerdoti

Il pm ha richiesto il processo per i due sacerdoti accusati di tentata estorsione con metodo mafiosoLa Dda di Catanzaro ha richiesto il rinvio a giudizio per gli incriminati, Graziano Maccarone e Nicola De Luca, rispettivamente di 40 e 41 anni.

Secondo le prove in mano dell’accusa i due uomini avrebbero preteso il pagamento di un prestito di circa novemila euro vantando un’amicizia con il Clan Mancuso di Limbadi.

I soldi servivano all’uomo per ripagare un debito contratto insieme alla figlia disabile con una terza persona.

Tra il 2012 e il 2013 le richieste di rientro del debito diventarono sempre più insistenti. Nel corso di un incontro tra i sacerdoti e il debitore, Don Maccarone fece riferimento alla sua vicinanza con il Clan Mancuso.

Alla richiesta del debitore di avere una copia della liberatoria firmata dal creditore originario, i due religiosi risposero, mentendo, di non averne ricevuta alcuna.   L’inchiesta iniziata nel 2013 ha portato al fermo di Maccarone e De Luca, i due sacerdoti sono stati rinviati al processo.

Promiscuità

Ad aggravare la situazione di Graziano Maccarone, segretario particolare del vescovo di Mileto, il ritrovamento di alcuni messaggi a sfondo sessuale con la figlia disabile del debitore. I contatti telefonici con la giovane sono andati avanti per circa due mesi.

Durante i numerosi scambi, il sacerdote avrebbe richiesto alla ragazza di spedirgli foto in atteggiamenti compromettenti e di recapitargli indumenti intimi usati. Sembrerebbe che in una occasione Maccarone avesse invitato la giovane, invalida al 100%, a raggiungerlo in un albergo di Pizzo.

Stando a quanto emerso le foto e i messaggi scambiati con la giovane sarebbero stati utilizzati dai due religiosi per spingere la famiglia ad adempiere al pagamento del debito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *