Denaro e prostituzione nel regno delle scimmie

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Nel 2005, un economista e uno psicologo della Yale University insegnarono a sette scimmie cappuccine il concetto del denaro. Presto le scimmie iniziarono a prostituirsi.

Gli animali si prostituiscono? Dipende dalla tua definizione di prostituzione. Alcuni studi affermano che la prostituzione esiste tra diverse specie di animali. Concetto noto come sesso transazionale. Wikipedia elenca tre esempi: pinguini, scimpanzé e scimmie cappuccine. Alcune ricerche suggeriscono che queste specie di animali si concederebbero in cambio di cibo o di piccoli oggetti, come delle pietre.

Anni fa, agli albori di quella che oggi è conosciuta come economia comportamentale, i ricercatori iniziarono a riconoscere che le persone spesso prendevano decisioni che la teoria economica razionale non riusciva a prevedere. Molte di queste decisioni sono state caratterizzate da risposte estremamente negative alla perdita. Quando una persona possedeva un oggetto, per esempio, chiedeva un compenso molto maggiore per separarsene di quanto fosse disposto a pagare per qualcosa di valore simile che apparteneva a qualcun altro. Nel 1980 Richard Thaler chiamò questo comportamento, teoricamente peculiare, l’ effetto dotazione. 

Da allora, molti psicologi si sono chiesti quanto siano fondamentali queste preferenze. La domanda è critica, soprattutto se speriamo di correggere i nostri comportamenti irrazionali. Da un lato, se tendenze come l’effetto dotazione sono confinate a determinate culture o contesti sociali, allora gli ambienti potrebbero essere la causa dell’approccio imperfetto. Nel qual caso, un semplice feedback o esperienza dovrebbe migliorare le nostre decisioni finanziarie.

D’altra parte, se i nostri pregiudizi economici sono innati piuttosto che appresi, più universali che circostanziali – in breve, se sono radicati nella cognizione umana di base – allora gestirli diventa un compito molto più difficile.

Negli ultimi anni questa domanda ha guidato la ricerca di Laurie Santos, direttrice del Comparative Cognition Laboratory dell’Università di Yale. In collaborazione con l’economista Keith Chen.

Le scimmie cappuccine  ruppero la linea umana circa 35 milioni di anni fa; di conseguenza, condividono molte delle nostre complicate strategie cognitive, ma rimangono isolati dai sistemi linguistici, culturali e tecnologici che potrebbero corrompere il processo decisionale umano. Dal punto di vista di chi studia i pregiudizi economici irrazionali, le scimmie offrono un mezzo eccellente per distinguere i comportamenti appresi da quelli naturali.

Forniscono una “finestra davvero grande” sul comportamento umano di un tempo. In uno studio dopo l’altro negli ultimi anni, quella finestra ha messo in evidenza come le scimmie cappuccine  ripetono molti degli errori economici un tempo considerati unici per l’umanità. Dall’avversione alla perdita all’effetto dotazione a determinati comportamenti a rischio. Suggerendo che queste tendenze irrazionali sono un fenomeno fondamentale e di lunga data.

Le scimmie sembrano impegnarsi in relazioni a lungo termine in cui le femmine dormono con un maschio di tanto in tanto in cambio di una fornitura regolare di cibi. Ciò ha portato alcuni ricercatori a chiedersi se anche nelle prime società umane il miglior cacciatore maschio fosse quello con più attività sessuale. Un ricercatore lo descrive così : “I maschi che condividevano la carne con le femmine raddoppiavano il loro successo di accoppiamento, mentre le femmine, che avevano difficoltà a procurarsi la carne da sole, aumentavano il loro apporto calorico senza i costi energetici e il potenziale rischio di lesioni legate alla caccia .

Il primo passo per risolvere questo enigma è iniziato nei primi anni 2000. Prima che i colleghi di Santos e Keith Chen potessero testare il comportamento economico irrazionale nelle scimmie cappuccine, dovevano essere sicuri che le scimmie capissero il concetto di denaro. Quindi i ricercatori hanno progettato uno speciale “mercato delle scimmie”. Una gabbia separata accessibile dal normale spazio vitale delle scimmie. Completa di fessure aperte che consentivano agli animali di interagire con gli sperimentatori.

Le scimmie sembrano impegnarsi in relazioni a lungo termine in cui le femmine dormono con un maschio di tanto in tanto in cambio di una fornitura regolare di carne e altri cibi. Ciò ha portato alcuni ricercatori a chiedersi se anche nelle prime società umane il miglior cacciatore maschio fosse quello con più sesso.

Un ricercatore lo descrive così : “I maschi che condividevano la carne con le femmine raddoppiavano il loro successo di accoppiamento.  Mentre le femmine, che avevano difficoltà a procurarsi la carne da sole, aumentavano il loro apporto calorico senza i costi energetici e il potenziale rischio di lesioni legate alla caccia” .

L’esempio più interessante, però, viene dalle scimmie cappuccine. Nel 2005 Keith Chen, un economista di Yale, ha pubblicato un articolo di un esperimento su un gruppo di 7 scimmie cappuccine. Il gruppo ha dato alle scimmie piccoli gettoni d’argento che potevano scambiare con uva e altre prelibatezze. Ed ecco, hanno mostrato un comportamento che era “statisticamente indistinguibile dalla maggior parte degli investitori del mercato azionario”.

All’inizio offriva loro due diverse prelibatezze come uva o marshmallow al prezzo di un gettone ciascuno. Quando il prezzo di un dolcetto è sceso e la scimmia ne ha ricevuti due per un gettone, hanno iniziato a preferire il più economico a quello più costoso.

Le scimmie cappuccine hanno anche mostrato un comportamento avverso alla perdita simile agli umani. Quando gli viene presentato un gioco in cui potrebbero perdere uno dei due chicchi d’uva o un gioco in cui potrebbero guadagnare un secondo chicco d’uva. Preferivano di gran lunga quest’ultimo, anche se il gioco era identico in termini di probabilità di vincita.

 


Subito dopo l’introduzione del denaro, i ricercatori hanno potuto osservare comportamenti ancora più interessanti: le scimmie hanno iniziato a rubarsi i gettoni a vicenda, una ha persino tentato una sorta di rapina in banca e ha rubato un intero secchio ai ricercatori.

Più interessante, Chen ha osservato un caso in cui una scimmia femmina sembrava scambiare il sesso con dei gettoni. Immediatamente dopo la copulazione ha ricevuto un gettone e lo ha scambiato con un regalo. Per ragioni etiche, tuttavia, i ricercatori non hanno indagato ulteriormente, ma hanno impedito comportamenti simili in futuro per non trasformare il loro laboratorio in un bordello.

 

Felicia Bruscino 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.