“Detox” dai social media: tra i benefici più tempo libero e meno ansia

In molti stanno iniziando a scoprire i numerosi benefici della “detox” dai social media sulla propria salute mentale.                                                                                                                   

Secondo le statistiche ottenute dal rapporto Global Web Index 2020 i consumatori digitali sono circa 3,2 miliardi e trascorrono in media 2 ore e 24 minuti al giorno sui social network.                                                                                                                                                  Questi dati sono impressionanti se si pensa a quanto tempo si potrebbe utilizzare in maniera più produttiva.

I ricercatori della Harvard University hanno confermato che la “social addiction” è causa di ansia, sensazione di solitudine, riduzione dell’autostima e disturbi del sonno.

Quando è necessaria la “detox” dai social media?

Visto l’aumento spropositato dei casi di dipendenza da social media, gli esperti consigliano di iniziare un periodo di disintossicazione quando si presentano alcuni comportamenti compulsivi.                                                                                                                  Controllare le notifiche appena svegli o provare ansia quando non si può essere “online” sono campanelli d’allarme per capire che è ora di allontanarsi un po’ dal web.

La “detox” dai social media è un’eliminazione consapevole del proprio account sulle varie piattaforme per un determinato periodo di tempo.

Generalmente sono necessari almeno 21 giorni di astinenza per cambiare un’abitudine sbagliata, ma per cominciare si può provare anche solo per qualche giorno. Chi lavora online per esempio, può sfruttare il weekend o le vacanze per dedicarsi alla dieta digitale.

Tutti i benefici della “detox” dai social

Uno studio sperimentale, effettuato presso l’Università della Pennsylvania, ha dimostrato che limitare l’utilizzo dei social a 10 minuti al giorno per tre settimane ha avuto un impatto positivo sul benessere mentale dei ragazzi.

Ma quali sono i benefici della dieta digitale?

  • Riprendere il controllo sulla propria mente       

Le app e i siti Web di social media sono progettati per creare una dipendenza da “gratificazione istantanea”. Ogni like o notifica positiva causa il rilascio di dopamina, sostanza che provoca una piacevole sensazione di “ricompensa“.  Il meccanismo è uguale a quello di una droga: si diventa dipendenti per il  bisogno di gratificazione continua. Purtroppo però la vita dei social non è la vita reale.                                                             Allontanarsi  per un po’ di tempo dal web, permette di trovare un’attività che fornisca una reale e duratura gratificazione. 

  • Smettere di essere competitivi

I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle persone che utilizzano i social media entra in competizione con le vite degli altri.                                                                            Esattamente come accade nella vita reale, però, c’è sempre qualcuno che appare più bello, più ricco o più fortunato.                                                                                                                            Pensare continuamente che “l’erba del vicino è sempre più verde”, mette la persona in una condizione mentale di inferiorità , causando gravi danni all’autostima.                           Ma non solo.                                                                                                                                                                    Ogni post è un modo per cercare di attirare l’attenzione positiva degli altri e a lungo andare, può portare allo sviluppo di ansia da prestazione.

La detox dai social media permette di concentrarsi sulle cose positive senza essere condizionati dalle vite vere o presunte degli amici sui social. Inoltre, durante il periodo di astinenza si possono svolgere le proprie attività più serenamente, senza preoccuparsi di dover fare qualcosa di speciale per ottenere un “pollice in su”.

  • Migliorare l’umore e ridurre il rischio di depressione

La ricerca ha scoperto che più tempo si trascorre sui social media e maggiori sono le probabilità di sviluppare la depressione.                                                                                        L’abuso del web può arrivare anche a distruggere le proprie relazioni personali e professionali.

La disintossicazione comporta il doversi confrontare con gli spiacevoli sintomi dell’ astinenza, ma in breve tempo l’umore inizia a migliorare così come la qualità del sonno e i rapporti interpersonali.

  • Riconnettersi con il mondo reale 

I social potrebbero sembrare un buon campo di gioco per le persone introverse, ma in realtà chi trascorre molto tempo sulle “app di condivisione” riferisce di sentirsi più isolato nella vita reale.                                                                                                                                     L’essere umano è stato progettato con il bisogno del contatto fisico e avere centinaia di amici o followers non può sostituire né essere paragonato al rapporto “face to face“.

La detox dai social offre uno stimolo a mettersi in gioco esponendosi in prima persona. Gli esperti consigliano di frequentare luoghi pubblici come parchi e ristoranti o anche solo scambiare due chiacchiere con il proprio vicino di casa.                                                        Questo comportamento migliora la condizione sociale e di conseguenza quella mentale.

  • Vivere nel presente

Dover condividere ogni momento della vita attraverso post o storie può spesso impedire di vivere il presente.                                                                                                                               Gli immancabili scatti del piatto di spaghetti sul tavolo del ristorante o i selfie su spiagge paradisiache raccolgono sicuramente molti consensi, ma non permettono di essere coinvolti direttamente nell’esperienza che si sta vivendo.                                                Lontani dal telefono si impara a godere a pieno ogni momento presente, senza doversi preoccupare di quanti like si riceveranno nel futuro.

  • Avere più tempo libero

Mettere in pausa i social media aiuta a recuperare quasi due ore al giorno, durante le quali si può impiegare la stessa energia per fare qualcosa di utile e piacevole.                         Gli psicologi consigliano per esempio di passeggiare per 30 minuti al giorno, iniziare un corso o frequentare la palestra.                                                                                                              Sostituire attività positive e interessanti alla compulsiva ricerca di feed online offre enormi benefici per la salute mentale e fisica.

  • Scegliere l’informazione 

Per alcuni i social media sono la fonte primaria per tenersi aggiornati sui fatti quotidiani. Purtroppo però, spesso si condividono notizie false o con contenuti razzisti e di parte  che condizionano le menti dei lettori più fragili.                                              Il periodo di “detox” dai social media costringe a scegliere canali d’informazione diversi, spesso più neutrali e veritieri.  In più si ha il tempo di approfondire un argomento di interesse attraverso documentari e libri.

La vita dopo la disintossicazione 

Molte persone scoprono che dopo la “detox” dai social media hanno una vita molto più semplice e serena e non sentono più la necessità di riattivare il proprio account.

Per quelli che invece non vogliono essere così radicali e vogliono mantenere attivi i propri profili, sembra ci sia un modo per avere una relazione sana con il mondo online.   L’ esperto di social media e psicoterapeuta Aaron Balick ha dato qualche suggerimento per non interagire in maniera passiva:

  • Disattivare le notifiche;
  •  Dedicare uno spazio e un tempo limitato della giornata per controllare i social;
  • Essere vigili sulle proprie reazioni emotive suscitate da post o notizie;
  • Concedersi subito una pausa se si avverte ansia, malumore o disturbi del sonno;
  • Scegliere una sola piattaforma in cui iscriversi;
  •  Evitare di tenere gli occhi sul telefono quando si è in compagnia;
  • Scegliere con consapevolezza i contenuti da leggere e condividere.

Come per tutte le cose l’ equilibrio è ciò che fa la differenza e correggendo la mente il resto della vita va a posto (Lao Tzu).

                                       

Silvia Mulas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *