Di quanti sensi è veramente dotato l’essere umano?

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Sin da bambini ci viene insegnato che i nostri sensi sono cinque: vista, olfatto, udito, tatto e gusto. In realtà non è così, e in un mondo governato dai pokemon e dagli avengers, questa notizia fa davvero scalpore.

Fonte: tempoliberotoscana.it
Fonte: tempoliberotoscana.it

Secondo recenti studi infatti, pare che gli esseri umani siano dotati di ben diciassette sensi!

Oltre quindi ai primi cinque già elencati, possiamo catalogarne altri che descriverò di seguito: la termopercezione, ovvero la capacità di percepire il freddo e il caldo; la cinestesia, cioè la capacità di localizzare il proprio corpo nello spazio, facoltà che viene alterata dall’uso di alcool e droghe; l’equilibrio, che rende possibile avvertire le accelerazioni tramite il labirinto vestibolare posto nell’orecchio interno;
il prurito in quanto dotato è di un proprio sistema sensoriale diverso da quello del tatto; la tensione che fa sì che il cervello controlli i movimenti muscolari; la chemiopercezione, ovvero la sensazione degli stimoli chimici che vengono innescati dagli ormoni; lo stiramento, che coinvolge specifici recettori situati nei polmoni, nello stomaco, nell’intestino e nella vescica. Dato che questo senso è collegato alla dilatazione dei vasi sanguigni, spesso è connesso all’emicrania; il dolore, anch’esso dotato di propri recettori e sensori localizzati sulle ossa, sugli organi interni e sulla pelle; la sete e la fame; il magnetismo, poco sviluppato negli esseri umani rispetto ad altre specie animali più abili nel percepire il campo magnetico terrestre; il tempo, la cui capacità di percezione si affievolisce con l’avanzare dell’età.

Fonte:italiaora.retenews24.it
Fonte:italiaora.retenews24.it

Come se non bastasse, anche sui cinque sensi comunemente noti sono state fatte delle precisazioni. La vista per esempio si sdoppia, permettetemi il gioco di parole, grazie a due gruppi di recettori, i coni che percepiscono il colore e i bastoncelli che percepiscono il movimento, mentre il gusto non riconosce solamente il dolce, il salato, l’agro e l’amaro ma anche il grasso.

L’essere umano è quindi una macchina perfetta? Personalmente non penso, vista la facile caducità del nostro corpo, ma sicuramente da oggi la battuta di Dylan Dog sul suo quinto senso e mezzo ci sembrerà meno affascinante:

Dylan Dog: – “…Il mio mezzo senso in più non sbaglia mai!”

Groucho: – “Sempre che sia la metà giusta: quell’altra sbaglia sempre!”

 presente nell’albo mensile

Dylan Dog n. 71 “I Delitti della Mantide”

Sergio Bonelli Editore, Agosto 1992

Paola Bianchi

 

 

Stampa questo articolo