Diabete di tipo 2 ad esordio giovanile, ecco le ultime novità

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Diabete di tipo 2, rischi e complicanze

Le persone con diabete di tipo 2 diagnosticate durante la giovinezza hanno un alto rischio di sviluppare complicanze in tenera età e hanno maggiori possibilità di complicanze multiple entro 15 anni dalla diagnosi. I risultati sono il culmine di uno studio unico nel suo genere finanziato dal National Institutes of Health.

Entro 15 anni dalla diagnosi di diabete di tipo 2, il 60% dei partecipanti ha avuto almeno una complicanza correlata al diabete. Inoltre, quasi un terzo dei partecipanti ha avuto due o più complicazioni, secondo lo studio di follow-up, chiamato TODAY2. I risultati sono stati pubblicati nella New England Journal of Medicine.

Lo studio TODAY 2 sul diabete

Lo studio originale TODAY ha dimostrato che il diabete di tipo 2 ad esordio giovanile è distinto dal diabete ad esordio adulto: è sia più aggressivo che più difficile da controllare. Seguendo questo corso di malattia unico, TODAY2 mostra le diverse complicazioni che possono svilupparsi-

TODAY2 ha coinvolto 500 partecipanti originali dello studio TODAY, iniziato nel 2004. OGGI è stato il primo importante studio di efficacia comparativa per il trattamento del diabete di tipo 2 nei giovani. Lo studio ha confrontato tre trattamenti per la gestione della glicemia: metformina da sola, metformina più rosiglitazone e metformina più un intervento intensivo sullo stile di vita. La metformina è l’unico farmaco orale approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per trattare il diabete di tipo 2 in gioventù.




Al momento dell’iscrizione, i partecipanti avevano un’età tra i 10 e i 17 anni con diagnosi di diabete di tipo 2. L’età media dei partecipanti dopo il follow-up TODAY2 è stata di 26 anni. Questo vuol dire che i ricercatori li hanno seguiti fino a quando hanno mediamente compito 26 anni.

I partecipanti a TODAY 2 sono stati monitorati annualmente per rilevare segni di complicanze del diabete, tra cui malattie cardiache, malattie renali, complicanze del piede diabetico e per segnalare altri eventi sanitari.

Risultati dello studio TODAY 2

Nel complesso, i ricercatori hanno evidenziato durante il follow up che: il 67% dei partecipanti aveva l’ipertensione. Inoltre, il 52% aveva dislipidemia, o alti livelli di grassi nel sangue, il 55% aveva una malattia renale. Infine,  il 32% aveva prove di malattia nervosa, il 51% aveva una malattia agli occhi.

Inoltre, alcuni partecipanti avevano maggiori probabilità di sviluppare complicanze multiple nel tempo, con il 28% che ne sviluppava due o più nel periodo di follow-up. I partecipanti che appartenevano a un gruppo razziale o etnico minoritario, o che avevano glicemia alta, ipertensione e dislipidemia erano a più alto rischio di sviluppare una complicanza.

Rispetto a quanto si osserva negli adulti con diabete di tipo 2, i partecipanti a TODAY2 hanno sviluppato complicazioni molto prima nel loro decorso di malattia e a un ritmo molto più veloce nel tempo. Questo studio mostra l’importanza di trattare intensamente il diabete di tipo 2 ad esordio giovanile fin dall’inizio. Di utilizzare inoltre  tutti gli approcci disponibili per controllare la glicemia e prevenire, ritardare o trattare aggressivamente le complicazioni in via di sviluppo.

Agostino Fernicola

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *