Diffidate dalle introduzioni

www.unive.it
0

La mia musa ispiratrice è sdraiata al sole da qualche parte, lontana da me.

Chissà quante risate si farebbe ora, a vedere il mio cervello grondante di sudore, alla ricerca di un’introduzione.         A cosa poi? Ad un articolo sulle introduzioni, quelle dei libri, quel mazzolin di pagine e di parole, posto a metà strada tra la copertina e l’inizio del libro vero e proprio.  book

Ti avvicini incauto a queste deliziose pagine di benvenuto, contento e dispiaciuto insieme, del breve rinvio del tuffo nel libro, che però, come capita a volte con certe attese, aumenta il desiderio.

Leggi e leggi finché…è troppo tardi!

Sei caduto nella trappola. La trappola della trama svelata.

Cosa puoi farci, loro hanno svolto il compito per cui vengono chiamate in tal modo, ti hanno “condotto nel libro”, e certo vi ringraziamo per questo e per tante chiavi di lettura e informazioni che ci fornite, ma quando svelate tutto, allora diventa “intromissione” nell’intimo rapporto fra il lettore e quello che egli avrebbe voluto scoprire da solo, leggendo.

Insomma è come se al ristorante, al solito “ Scusi, dov’è il bagno?” , il cameriere non solo vi accompagna, inevitabilmente in fondo a destra o a sinistra, ma vi apre la porta, vi guarda e vi dice anche come va a finire!

L’introduzione come la vecchierella del villaggio di Leopardi, che fila sulla scala e novellando vien del tempo…ma degli altri. Che pettegola!

Inoltre, quelle davvero di classe, riescono a rovinarti non solo il libro che stai per leggere ma anche eventuali altri, con frasi come “ Il personaggio F… , che nel romanzo in questione sposerà T.., ritornerà inaspettatamente nell’ultimo romanzo dell’autore, dove morirà sgozzato, in tal giorno, a tal ora.”

Perlomeno, la pigrizia e il disinteresse degli specialisti nel “salto all’introduzione” non si fanno rovinare il libro, o i libri.

Meglio lasciare come dulcis in fundo “la temuta”, così da  farsi dolcemente condurre fuori dal libro, di cui la fine, soprattutto quando si tratta di un bel libro, è spesso un evento amaro.

 

Federica Isidori

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi