Dimitar Harizanov, il lavavetri Spiderman che scala grattacieli e fotografa Milano dall’alto

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Dimitar Harizanov è un uomo che non ha paura del vuoto. Egli infatti scala le facciate dei grattacieli appeso a delle corde per pulirle e nel frattempo delizia il proprio pubblico con scatti dello skyline della grande metropoli lombarda. Di origine bulgara, vive in Italia da qualche anno e lavora per una ditta di pulizie. Viene pagato per starsene otto ore a 200 metri d’altezza con le imbragature da arrampicata.





Ci vuole molto fegato e altrettanta concentrazione per rimanere appesi quasi tutto il giorno. Dimitar ha infatti dichiarato che questo lavoro gli permette di fare quello che più gli piace: il free climbing.

“Non è un lavoro, piuttosto è gioia, adrenalina pura, vedere il mondo da un’altra prospettiva. Poterlo fotografare poi è il compimento di un sogno.”

Il profilo Instagram di Dimitar

Il giovane lavavetri è diventato famoso su Instagram non solo per le sue doti da Spiderman, ma soprattutto per le sue immagini mozzafiato. I suoi scatti della metropoli lombarda hanno fatto il giro di tutto il social raggiungendo una quota di like pari a 35 mila cadauna.



“Vedere Milano da quell’altezza, le sue luci, la nebbia, il confine delle montagne, il sole che tramonta, il sole che sorge, la luna all’orizzonte, la sagoma del Duomo è una fortuna enorme. Il fatto che possa anche condividerlo con tutti mi rende allo stesso tempo molto contento.”

Il lavoro di Dimitar

Come già detto in precedenza per fare il suo lavoro bisogna avere prima di tutto i nervi saldi, non aver paura delle altezze, ma sopratutto molto coraggio. Non è cosa per tutti scalare le facciate dei grattacieli per pulirli.



“Per me non è un lavoro, è una passione. In squadra siamo 12 amici e non potrebbe essere diversamente perché nel nostro mestiere ci vuole fiducia totale, coordinamento. Come in montagna, dove lo sbaglio di uno può essere un problema per tutti. Sul lavoro, la sicurezza innanzitutto. Nella vita, invece, io amo il rischio, in montagna puoi fare mosse pericolose. Ma te ne prendi la responsabilità. Conosci quella canzone di Vasco Rossi che fa “Siamo liberi”? In vetta a un grattacielo

Silvia Barbieri

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *